10:15 20 Luglio 2018
Formaggi in supermercato russo

Sanzioni, 100 mila tonnellate di formaggi vietati arrivano in Russia dal Kazakistan

© Sputnik . Alexander Kryazhev
Economia
URL abbreviato
694

In risposta alle sanzioni di risposta introdotte da Mosca contro i prodotti agroalimentari della UE, i contrabbandieri hanno portato i formaggi in Russia attraverso la Bielorussia e il Kazakistan, scrive il giornale svizzero Schweizer Bauer.

Secondo gli esperti, ogni anno fino a 100 mila tonnellate di formaggi "clandestini" finiscono sugli scaffali dei supermercati e negozi russi, rappresentando circa un terzo di tutto il settore caseario.

Inoltre gli importatori di formaggio in Russia dichiarano le proprie merci come merci in transito. In alcuni casi accade che i container con i prodotti che devono essere inviati in Kazakistan attraverso la Russia "si perdono" durante il tragitto, continua il giornale svizzero.

Secondo i calcoli del giornale, l'utile netto dei contrabbandieri per chilogrammo di formaggio va da 6,71 a 8,39 franchi (poco meno di 10 euro). Come ricorda Schweizer Bauer, l'embargo alimentare riguarda molti formaggi popolari in Russia come il briè, il parmigiano, il camembert, il roquefort, l'emmental e il gruviera.

Correlati:

La Russia ha ampliato l'elenco dei prodotti soggetti ad embargo
Agricoltori estoni sentono conseguenze dell’embargo russo
La Russia ha prolungato l’embargo alimentare
Russia proroga embargo alimentare contro l’Occidente fino alla fine del 2018
Russia, media: Medvedev indica la condizione per sospendere l’embargo alimentare
Le mele non sono bastate: la Polonia paga in pieno le sanzioni contro la Russia
Russia, al macero 60 tonnellate di mele provenienti dalla Polonia
Tags:
Economia della Russia, Economia, Commercio, Occidente, sanzioni antirusse, Contrabbando, Unione Europea, UE, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik