Widgets Magazine
18:34 16 Ottobre 2019
Gas

Bruxelles avrà accesso ai contratti sulle forniture di gas russo dei singoli Paesi UE

© Sputnik . Aleksandr Mazurkevich
Economia
URL abbreviato
114
Seguici su

Entro il 2035 l'Europa potrebbe raddoppiare i volumi di importazione di gas. La maggior parte dell'aumento della domanda europea sarà assorbito dalla Russia.

Secondo il Dipartimento dell'Energia americano, nel prossimo ventennio i Paesi europei non potranno fare a meno del gas russo, nonostante la diversificazione degli approvvigionamenti energetici.

Entro il 2040 la produzione di petrolio in Russia aumenterà fino a circa 485mila barili al giorno.

Come dichiarato in un'intervista con Business FM dal ministro dell'Energia russo Alexander Novak, la quota di gas russo nelle importazioni complessive dell'Europa sarà tra il 25% e il 30% a seconda della temperatura.

"Ora forniamo di più rispetto ad 1 anno fa in quanto a seguito dell'inverno rigido sono state sfruttate le riserve degli impianti di stoccaggio sotterranei in Europa, ora stanno provvedendo a riempirli. In futuro vediamo più concorrenza in questo mercato… aumenteranno le importazioni di gas in Europa. Nonostante l'Europa sia attivamente impegnata nelle energie rinnovabili, allo stesso tempo il gas è un combustibile a basso impatto ambientale a buon mercato per la produzione efficiente di energia. Permette di assicurare la copertura dei picchi di domanda quando sono accesi tutti gli impianti di riscaldamento, sia le utenze industriali, pubbliche e private", — ha detto Novak.

Secondo il ministro russo, fino al 2035 la stima delle forniture di gas russo verso la UE varia da 70 a 100 miliardi di metri cubi. La produzione interna di gas dell'Europa è diminuita e nel lungo periodo il calo si attesterà sui 50 miliardi di metri cubi. "Di conseguenza fino al 2035 in Europa si libera una quota extra che farà crescere la domanda fino a 100-150 miliardi di metri cubi di gas", — ha chiarito il ministro dell'Energia, notando che oggi l'Europa consuma circa 450 miliardi di metri cubi, di cui circa 200 sono forniti dalla Russia.

In relazione a una tale enorme dipendenza dalla Russia da parte dei Paesi europei, il Consiglio dell'Unione Europea ha adottato lunedì 9 ottobre una nuova legge che consenta agli organismi autorizzati di Bruxelles di conoscere i dati dei contratti per le forniture di gas verso l'Europa.

Le nuove regole sono intese a rafforzare la cooperazione dei paesi europei in caso di crisi con le forniture di gas e assicurare l'accesso alle autorità UE alle informazioni sui contratti di gas che possono essere importanti per la sicurezza dell'approvvigionamento di gas dell'intera comunità europea, ha riferito l'agenzia RIA Novosti.

Correlati:

Russia, sviluppato percorso alternativo di Nord Stream-2
Cremlino rivela i piani per il transito di gas in Europa dopo il 2020
La Gazprom può fornire gas a tutta l'Europa
Guerra del gas, ma in Europa la Russia batte gli USA
FT: si inasprisce la guerra tra USA e Russia per la fornitura di gas in Europa
Gazprom: nuove sanzioni antirusse minacciano consegne di gas in Europa
Tags:
Economia, Economia della Russia, Geopolitica, Gas russo, Energia, Unione Europea, Alexander Novak, UE, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik