20:02 20 Ottobre 2017
Roma+ 22°C
Mosca+ 5°C
    Trivellazione pozzo di petrolio

    Petrolio, nel mondo cresce numero dei pozzi di trivellazione per terzo mese di fila

    © Sputnik. Ilya Pitalev
    Economia
    URL abbreviato
    0 33120

    Nel mese di luglio il numero di pozzi petroliferi e di gas attivi nel mondo ha raggiunto il livello più alto dal settembre 2015. Lo scorso mese erano aperti 2.110 pozzi di trivellazione rispetto ai 2.041 di giugno. Il livello di luglio di quest'anno è superiore di 629 unità rispetto allo stesso mese nel 2016.

    Il numero di impianti petroliferi e di gas in tutto il mondo è aumentato per il terzo mese consecutivo, segnalano le agenzie di stampa russe riferendosi ai dati della società americana specializzata nei servizi petroliferi Baker Hughes.

    Negli Stati Uniti il numero di pozzi è aumentato di 22 unità rispetto al mese precedente raggiungendo quota 953: è il livello più alto dall'aprile 2015. In Canada la cifra è salita di 48, raggiungendo quota 198.

    In America Latina il numero di pozzi petroliferi è aumentato di 4 unità, fino a 196, in Africa di 3 (89) e nella regione Asiatico-Pacifica di 1 (195). In Europa gli impianti di estrazione di petrolio e gas registrano —9 (82), mentre in Medio Oriente il loro numero non è cambiato (397).

    Nel corso dell'ultimo anno il numero medio di piattaforme petrolifere e di gas attive ha raggiunto il valore minimo nel corso degli ultimi 17 anni, toccando quota 1593. Nel 2015 erano aperti 2.337 pozzi, mentre nel 2014 si contavano 3.578 impianti aperti, il massimo dal 1985.

    Correlati:

    Russia, Oreshkin: economia in fase di crescita nonostante sanzioni e prezzi del petrolio
    Messico rinvia gare d'appalto dopo scoperta nuovo grande giacimento di petrolio
    Damasco riottiene il controllo di quattro giacimenti di petrolio a Raqqa e a Deir-el-zor
    Media: la Cina è il maggior importatore di petrolio al mondo
    Tags:
    Borsa&Mercati, Petrolio, Energia, Gas, Economia, Baker Hughes
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik