11:41 20 Agosto 2017
Roma+ 25°C
Mosca+ 23°C
    Jalta

    Imprese turche ritornano in Crimea

    © Sputnik. Taras Litvinenko
    Economia
    URL abbreviato
    242282

    Le aziende turche stanno implementando attivamente le proprie attività in Crimea, ha dichi a RIA Novosti il presidente della commissione parlamentare della Crimea per il complesso termale e alberghiero e il turismo Alexey Chernyak.

    A titolo d'esempio ha citato la costruzione del parco acquatico per bambini dell'albergo "Jalta-Intourist", la cui inaugurazione è prevista il prossimo 26 giugno.

    "Questo parco acquatico unico si trova sulla costa del Mar Nero. E' stato progettato e costruito dalla società internazionale turca PolinWaterparks. E' un'azienda leader a livello mondiale nel campo delle attrazioni acquatiche. Prendiamo atto che le imprese straniere non hanno paura della politica di sanzioni occidentale", — ha detto Chernyak.

    Secondo il politico, gli investitori di diversi Paesi hanno recentemente mostrato un interesse attivo nel settore termale.

    "Recentemente un investitore straniero è arrivato con la proposta di investire in una delle località della Crimea diversi milioni di euro," — ha rivelato Chernyak.

    La crisi nelle relazioni tra la Turchia e la Russia era scoppiata nel novembre 2015 dopo che un caccia turco aveva abbattuto il bombardiere russo Su-24 nei cieli sopra la Siria. Allora la Russia aveva introdotto sanzioni economiche contro la Turchia e la Crimea a sua volta aveva completamente sospeso le trattative per la realizzazione dei progetti di investimento turchi nella penisola. Ai primi di maggio dopo i colloqui con il capo di Stato turco Tayyip Erdogan il presidente Vladimir Putin aveva annunciato l'accordo per rimuovere le sanzioni reciproche a livello commerciale e il successivo 22 maggio i due Paesi avevano firmato una dichiarazione congiunta ad Istanbul sulla reciproca cancellazione delle restrizioni.

    Correlati:

    “Redazioni dei media occidentali vietano ai giornalisti di recarsi in Crimea”
    Ue, Cremlino: non siamo d’accordo con estensione sanzioni anti-Crimea
    Rappresentanti permanenti dei Paesi UE dicono sì a proroga sanzioni contro Crimea
    Imprenditori italiani rivelano lo schema per aggirare le sanzioni UE contro la Crimea
    Tags:
    Business, Economia della Russia, investimenti, Alexey Chernyak, Turchia, Crimea, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik