18:04 19 Ottobre 2020
Economia
URL abbreviato
7412
Seguici su

La Crimea "reagisce con filosofia" all'estensione delle sanzioni occidentali che, nonostante ritardino lo sviluppo della penisola, non sono in grado di fermarlo, ha dichiarato il ministro dello Sviluppo Economico della Repubblica Andrey Melnikov.

Le sanzioni contro la Crimea sono state imposte 3 anni fa dopo la riunificazione della penisola con la Russia e da allora sono state rinnovate automaticamente.

"Ogni volta che prorogano le sanzioni, dobbiamo reagire con filosofia e proseguire il nostro sviluppo nell'ambito delle possibilità che abbiamo. Senza sanzioni probabilmente saremmo cresciuti più velocemente, ma le sanzioni possono solo ritardare il nostro sviluppo, non sono determinanti e non creano le condizioni per fermare le attività e la propensione agli investimenti nella penisola. Complicano la vita, ma ciò che non ci uccide ci rende più forti. Credo in questo principio filosofico,"- ha detto Melnikov sulla radio "Sputnik in Crimea".

Secondo il ministro, il bilancio per le imprese della Crimea dei primi tre anni dall'introduzione delle sanzioni è essenzialmente positivo grazie alle misure speciali di sostegno del governo federale russo.

"Il distretto economico speciale e dopo qualche tempo il regime delle sanzioni hanno aiutato le nostre imprese locali a modernizzarsi: questa è la base su cui l'economia regionale può andare avanti", — ha sottolineato il ministro.

Correlati:

Investitori cinesi interessati a costruzione di un tunnel in Crimea
Produttori di vino della Crimea vengono premiati a festival di Hong Kong
Trump: sì a responsabilità della Russia per Crimea e Donbass
Azienda vinicola della Crimea festeggerà sanzioni di Kiev con un nuovo champagne
La formula del successo in Crimea
In Tunisia muove i primi passi il business agroalimentare italiano per la Crimea
Tags:
Occidente, sanzioni antirusse, Economia della Russia, Business, Andrey Melnikov, Russia, Crimea
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook