11:19 26 Maggio 2019
Yalta, Crimea

Russia, ad aprile delegazione italiana in Crimea per il Forum Economico di Yalta

© Sputnik . Taras Litvinenko
Economia
URL abbreviato
2102

Il presidente Andrey Nazarov che si aspetta la firma di una serie di accordi commerciali durante il forum.

Una delegazione composta da 50 politici e imprenditori italiani dovrebbe visitare la Crimea e partecipare al Forum Economico Internazionale di Yalta (Yief) ad aprile. Lo ha rivelato il direttore del forum Sergei Lazutkin.

"Solo una settimana fa l'Italia ha ospitato la seconda tornata della serie di presentazioni sulle opportunità Yief per gli investitori europei. La presentazione ha attirato grande interesse: uomini d'affari provenienti da vari settori industriali hanno espresso il desiderio di visitare la Yief nel mese di aprile. Durante il forum si prevede l'arrivo di almeno 50 rappresentanti della comunità imprenditoriale e politica italiana", ha detto Lazutkin.

Il presidente della Yief Andrey Nazarov ha aggiunto che si aspetta la firma di una serie di accordi commerciali durante il forum. La Yief è un evento annuale dedicata alla discussione di questioni sociali ed economiche legate allo sviluppo.

Nel 2016, il forum ha visto la partecipazione di oltre 1.000 persone provenienti da 26 paesi, con 12 accordi di investimento, pari a 1,2 miliardi di dollari. Quest'anno il forum è prevista per il 20-22 aprile. Alcuni politici e delegati in rappresentanza di regioni italiane come Veneto, Liguria, Lombardia, Toscana ed Emilia-Romagna hanno già visitato le città della penisola russa della Crimea — Simferopoli, Sebastopoli e Yalta — il 14-16 ottobre 2016.    

Correlati:

Mostra dei progetti d'investimento in Crimea apre il forum economico a Yalta
Turismo, è Yalta una delle mete preferite dai turisti stranieri per le vacanze di Natale
Yalta e Nizza firmano un memorandum di collaborazione
Tags:
Delegazione italiana, Economia, Forum Economico Internazionale di Yalta (Yief), Yalta, Crimea, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik