09:55 21 Novembre 2019
Alexis Tsipras

Tsipras dice stop a diktat e attacchi di Germania e UE contro la Grecia

© AP Photo / Lefteris Pitarakis
Economia
URL abbreviato
19418
Seguici su

Il primo ministro greco Alexis Tsipras esige dai Paesi europei, in particolare la Germania, di fermare gli attacchi contro la Grecia, inoltre ha sostenuto la pericolosità dei cambiamenti nell'eurozona.

La Grecia sta cercando di ottenere la seconda valutazione positiva sulle riforme intraprese, senza cui Atene non potrà ottenere i prestiti necessari per sostenere il suo debito. Alcuni Paesi europei insistono sulla partecipazione del Fondo Monetario Internazionale (FMI) al programma di assistenza finanziaria ad Atene, che al momento riceve fondi solo dall'ESM (Meccanismo europeo di stabilità, ndr). Da parte sua il FMI dichiara di essere disposto a partecipare pienamente al programma di assistenza, non limitandosi solo alle consulenze, se Atene concorderà una serie di nuove riforme per il periodo successivo dopo la fine del programma per il 2018 e 2019.

Il premier greco ha criticato il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble, che lega la cancellazione di parte del debito greco con l'uscita dall'euro di Atene.

"Invito il cancelliere Angela Merkel a trattenere il ministro delle Finanze dai continui attacchi contro la Grecia e dalle dichiarazioni diffamatorie contro il nostro Paese. La campagna elettorale non può influenzare la vita di un altro Stato," — ha detto Tsipras, intervenendo alla direzione di Syriza, partito di sinistra radicale di cui è leader.

Tsipras ha inoltre detto che la seconda valutazione del programma di riforme, senza cui la Grecia non può ricevere la nuova tranche, sarà ottenuta in tempo senza nessun'altra concessione da parte del governo greco.

"Da parte nostra, ribadiamo stabilità, moderazione e determinazione. Non siamo d'accordo con i nuovi giochi a spese del popolo greco. Dovrebbero sapere che stanno giocando con il fuoco quando parlano di zona euro a due velocità," — ha detto Tsipras.

Secondo il premier greco, il 2017 sarà n anno cruciale per l'Europa, perché per la prima volta sono in discussione i rapporti euratlantici.  

Correlati:

Alla Grecia conviene dichiarare il default, all’Italia (per ora) forse
Eurogruppo, disco verde per il prestito di 1,1 mld alla Grecia
Fmi: Debito Grecia al 250% del Pil entro il 2060
FMI: rimandare il pagamento dei debiti della Grecia al 2040
Tags:
Finanze, Politica Internazionale, Economia, Debito greco, Fondo Monetario Internazionale, Unione Europea, FMI, Wolfgang Schaeuble, Alexis Tsipras, Angela Merkel, Germania, UE, Grecia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik