11:17 23 Settembre 2017
Roma+ 23°C
Mosca+ 8°C
    Dollari USA

    L'Ucraina rischia di andare in default per la seconda volta su prestito della Russia

    © flickr.com/ Chris Potter
    Economia
    URL abbreviato
    61279200

    L'Ucraina può andare in default sul prestito russo di 3 miliardi di dollari, se l'Alta Corte di Londra, considerando la controversia tra i due Paesi sul debito non saldato di Kiev, emetterà una sentenza favorevole per Mosca.

    Lo ha dichiarato in un'intervista per un portale russo il professore Alexander Mikhaylenko di relazioni internazionali dell'Accademia Presidenziale Russa dell'Economia Nazionale e della Pubblica Amministrazione.

    Tuttavia l'esperto ha ipotizzato che Kiev rimborserà il debito grazie ai nuovi prestiti ottenuti.

    "Per quanto riguarda il denaro, questo è un problema molto grande. Non riuscirà a coprire il debito utilizzando le risorse interne. Molto probabilmente verrà pagato da fondi presi in prestito. Se non si risolve in questo modo la questione, l'Ucraina farà default," — ha sottolineato.

    Mikhaylenko è convinto che la Corte di Londra emetterà una sentenza favorevole alla Russia.

    "Tutte le argomentazioni dell'Ucraina sul fatto che il denaro sia stato dato personalmente a Yanukovych e che successivamente i tre miliardi di dollari siano stati portati fuori dal Paese con i furgoni sono dei piagnistei infantili. Non verranno prese in considerazione", — ritiene l'esperto.

    Il 24 gennaio il vice ministro delle Finanze russo Sergey Storchak ha dichiarato che la Corte di Londra emetterà la sentenza entro il 16 aprile, prima di Pasqua.

    Correlati:

    Russia, udienza a Londra su Eurobond da 3 mld concesso a Ucraina
    Kiev: tribunale vieta il pagamento del debito russo
    Il FMI si ricorda del debito dell’Ucraina verso la Russia
    Tags:
    Finanze, Economia, Giustizia, Conseguenze default, Debito dell'Ucraina, Default, Alta Corte di giustizia di Londra, Sergey Storchak, Ucraina, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik