17:14 19 Luglio 2018
Proteste contro il TPP (foto d'archivio)

Australia cerca alternative al TTP per la probabile uscita degli USA

© AP Photo / Shizuo Kambayashi
Economia
URL abbreviato
0 46

Le autorità australiane sono alla ricerca di un'alternativa all'accordo sul Partenariato Trans-Pacifico (TTP) sullo sfondo delle recenti dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che ha promesso di tirar fuori il Paese dall'accordo, scrive il giornale Weekend Australian.

Secondo il giornale, il ministro del Commercio australiano Steven Ciobo si è incontrato con i rappresentanti di 6 Paesi firmatari dell'accordo (Giappone, Canada, Singapore, Nuova Zelanda e Malesia) al Forum Economico di Davos per discutere altre opzioni. Si segnala che, nonostante le discussioni, Ciobo ha espresso la volontà di perseguire l'accordo.

"Il governo Turnbull non rinuncia alla difesa di ciò che rientra nei nostri interessi nazionali. Il mantenimento della nostra posizione per la difesa dei vantaggi del TTP non fa eccezione," — il giornale riporta la sua dichiarazione.

Ha osservato che l'Australia promuoverà come prima la ratifica dell'accordo sul TTP.

"Sarà una dichiarazione chiara da parte del Parlamento australiano sul fatto che rinunciamo al protezionismo e che l'apertura dei mercati è un modo per creare posti di lavoro sostenibili nel lungo termine," — chiarisce Ciobo.

Il TTP è un accordo commerciale firmato nel febbraio 2016 tra 12 Paesi della regione Asia-Pacifico, il cui scopo è quello di ridurre le barriere tariffarie, così come uniformare le regole interne degli Stati firmatari.

Correlati:

Senatori USA potrebbero bocciare accordo TTP raggiunto da Obama
Obama sicuro, solo gli USA devono dettare le condizioni del commercio mondiale
Il Partenariato Trans-Pacifico rischia di mandare in crisi l'India
Cremlino: Partenariato Trans-Pacifico positivo, se non intende sostituirsi al WTO
Tags:
Politica Internazionale, Economia, Commercio, Accordo TPP, Steven Ciobo, Donald Trump, Asia, Australia, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik