23:36 25 Febbraio 2020
Economia
URL abbreviato
760
Seguici su

Il primo anno della zona di libero scambio tra l'Ucraina e l'Unione Europea non giustifica l'ottimismo di Kiev, che prevedeva di risolvere rapidamente i suoi problemi economici e commerciali.

L'accordo con la UE non ha ancora aiutato l'Ucraina ad incrementare notevolmente le esportazioni verso l'Europa e compensare le sue bilancia commerciale dalle perdite derivanti dalla rottura delle relazioni economiche con la Russia. Le autorità ucraine non possono nemmeno parlare di un afflusso di capitali stranieri.

Gli analisti intervistati da Sputnik non sono sorpresi da questi risultati. A loro parere Kiev nutriva sin dall'inizio aspettative irrazionali dall'accordo.

Gli economisti sottolineano che le merci principali che l'Ucraina esporta oggi in Europa sono le materie prime a basso valore aggiunto. In questi contesto economico, per l'Ucraina era difficile aspettarsi un significativo aumento del commercio con l'Europa, tenendo conto del calo dei prezzi mondiali delle materie prime e l'adozione di misure protezionistiche dei Paesi europei nell'agricoltura in relazione alla chiusura del mercato russo per le sanzioni di risposta di Mosca.

Gli esperti ritengono che l'accordo di libero scambio non abbia ancora mostrato il suo pieno potenziale per l'Ucraina, ma perché questo avvenga le autorità dovrebbero continuare a migliorare il clima imprenditoriale per attrarre gli investimenti stranieri nella modernizzazione dell'economia ed offrire prodotti più competitivi da esportare.

Correlati:

Financial Times: in Ucraina si accusa la UE di tradimento e complotto occulto
I Paesi Bassi minacciano Bruxelles di boicottare l’accordo UE-Ucraina
Vertice Ucraina-UE: nulla di fatto e solita razione di promesse per Kiev
Tags:
Esportazione, Economia, Commercio, Area di libero scambio UE-Ucraina, Unione Europea, UE, Ucraina
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook