08:59 08 Dicembre 2016
    Matteo Renzi

    “Problemi banche italiane irrisolvibili, referendum costituzionale serve per salvarle”

    © AFP 2016/ GABRIEL BOUYS
    Economia
    URL abbreviato
    201768420

    L'analista finanziario Ernst Wolff afferma sicuro che per la riforma costituzionale italiana alla Germania toccherà mettere mano al portafogli.

    Domenica in Italia si svolge il referendum sulla riforma della Costituzione. L'esperto finanziario Ernst Wolff parla del pericolo di un capitalismo ancor più selvaggio in Italia se vinceranno i sì. Le banche italiane, secondo l'esperto, sono impossibili da riformare. Il debito italiano alla fine di tutto verrà pagato dalla UE a spese della Germania.

    "Il sistema italiano ha bisogno di cambiamenti radicali. In altri termini il governo dovrebbe avere l'opportunità di legiferare più velocemente e con meno impicci burocratici. Le leggi che servono riguardano essenzialmente il mercato del lavoro. L'idea è quella di indebolire le tutele dei lavoratori contro i licenziamenti ingiustificati e liberalizzare il mercato del lavoro per rendere l'Italia più competitiva. Si dice che dietro questo piano ci siano tra gli altri J.P. Morgan e Goldman Sachs. E' inoltre di grande importanza per il sistema economico e finanziario italiano.

    Questa cessione di democrazia, dal momento che il governo ottiene l'opportunità di portare avanti le leggi che vuole, non è sostenuta dalla gente. E' una sorta di rafforzamento dell'autorità dello Stato."

    "Se vinceranno i no, ci saranno gravi difficoltà per le banche italiane, che tuttavia sono in difficoltà a prescindere dal referendum. I problemi delle banche italian sono irrisolvibili. Sono molto esposte e, secondo i dati ufficiali, hanno debiti complessivi da 360 a 400 miliardi di euro. Dati non ufficiali parlano di 600-800 miliardi di euro. Solo la terza più grande banca italiana, Monte dei Paschi, ha 50 miliardi di debiti scaduti.

    Sono problemi enormi che cercano di risolvere tramite il referendum. La Germania cerca di evitare il salvataggio delle banche italiane con gli aiuti di Stato perchè in qualità di più grande economia dell'Europa dovrebbe pagare più di chiunque altro.

    Il problema principale dell'Italia è lo stesso come altrove.

    Dopo la crisi del 2008 il sistema finanziario è di fatto morto. Le sue funzioni vitali vengono mantenute artificialmente, ma le misure per tenere a galla il sistema finanziario non aiutano."

    "Alla fine l'Unione Europea salverà l'Italia. Bruxelles non può lasciar morire le banche italiane. Le banche italiane sono troppo legate con gli altri istituti di credito di Francia e Germania. Proprio in Germania, non dobbiamo dimenticare che la 4° o 5° banca più grande per capitalizzazione "Hypovereinsbank" è interamente controllata da Unicredit, la più grande banca italiana. Detto in altri termini, se si fa collassare il sistema bancario italiano, ci sarà un effetto domino che si ripercuoterà sulle banche tedesche che porterà al collasso dell'intero sistema bancario della UE e in ultima analisi alla fine del sistema finanziario americano e globale."

    "Ma il ruolo decisivo sta nel fatto che le probabilità di salvataggio del sistema bancario italiano è piccolo nel lungo termine, così come degli altri sistemi bancari. Possiamo solo prendere misure per stabilizzare il sistema bancario per qualche mese, forse un paio di anni. Ma alla fine il crollo è inevitabile. Questo sistema semplicemente non sta in piedi."

    "Se vinceranno i sì, sentiranno gli effetti le persone che lavorano, in quanto le condizioni di lavoro diventeranno molto più dure. Ci saranno meno tutele contro i licenziamenti ingiustificati e il precariato, sarà più facile assumere persone con stipendi più bassi, etc.

    Se vinceranno i no, Renzi se ne andrà via e ci sarà un governo tecnico. Forse verrà guidato dal ministro delle Finanze, come avvenuto con Monti, collaboratore di Goldman Sachs. Detto in altri termini la finanza prenderà le redini della situazione."

    Correlati:

    Referendum, basta un… voto consapevole
    Italia sull'orlo del baratro, ma il Governo pensa al referendum
    Panico referendum, Stiglitz: italiani, se votate crolla l’euro
    Tags:
    Costituzione, referendum, Lavoro, Finanze, Banche, Unione Europea, Matteo Renzi, Germania, UE, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    • советский
      E noi dovremmo venire schiacciati perchè le Banche d'Affari devono giocare con i soldi dei Contribuenti Italiani? Ma ben venga anche in Italia non una ma dieci Corazzate Potiomkin a fare un poco di pulizia finanziaria e politica! Ladroni d'Italia e di Germania!
    • lothario
      "la finanza prenderà le redini della situazione" -

      La finanza HA GIA' in mano, da tempo, le redini della situazione, non solo italiana; le ha in mano per averle strappate ai popoli; privatizzando i loro beni, le infrastrutture e le industrie dei loro paesi, ed accaparrandoseli.
      Che vincano i sì o i no, finché il Popolo Italiano non si riapproprierà dell'Italia, la finanza transnazionale continuerà a parassitarla.
      La soluzione è ri-NAZIONALIZZARE tutto quello che è stato svenduto e privatizzato; tutte le aziende di stato che avevano fatto dell'Italia la quinta potenza mondiale, ed uno dei paesi più avanzati, con una Sanità ed una Scuola che erano eccellenze copiate in tutto il Mondo. E recuperare con questo l' "orgoglio" di essere italiani, avvilito da un'astuta campagna di mortificazione tesa a far credere agli italiani di essere un paese "di serie b", "arretrato" ed eternamente bisognoso di "riforme".
    • belli corrado
      Le Banche devono essere chiuse , sbattere in galere i banchieri e i bancari che hanno fatto da civetta,proponendo crediti e prestiti a prezzi stracciati che in fin dei conti erano da usurai, negli ultimi 10 anni le cosidette agenzie recupero credito sono sbocciate come papaveri in primavera, sapete perchè????? alle banche non interessa recuperare la somma del denaro prestato, ma ne fanno una politica combinata con queste agenzie che pagano alle banche l'8% del valore nominale del credito fatto ai cittadini, quante sono queste agenzie che pagano l'8% ..???' a centinaia, le banche incassano la somma prestata con la percentuale incassata dalle agenzie, poi viene il bello.....ognuna di queste agenzie vuole la somma per intero da chi ha ricevuto il credito/prestito, immaginatevi adesso che uno di noi ha preso 10.000 euro in prestito e poi si presentano decine di agenzie che vogliono le 10.000 euro più gli interessi e i costi che secondo loro hanno dovuto sostenere per lo sbrigo delle pratiche e dei pedinamenti fatti nei confronti dei cittadini indebitati, da 10.000 diventano 120.000 euro o magari di più, c'è da sapere che al momento in cui la banca ha venduto il credito di un cittadino a terzi "Privato" incassando esclusivamente l'8% del valore nominale , il debito è estinto e trovando un VERO buon avvocato può farsi ritornare indietro la somma di denaro già pagata in rate dal Terzi che ha comprato il debito del cittadino , la paura dei banchieri è che queste agenzie richiedano indietro la somma pagata per poi riscuotere dal cittadino debitore , bisogna pur vedere se le banche sono in grado di ritornare le somme di denaro richieste perchè ...nonostante abbiano di già incassato più del dovuto dalle Agenzie ,hanno dichiarato che le somme di denaro prestato non sono rientrate e dichiarate perse, in questo modo incassano per ogni debitore da 5 a 10 volte la somma prestata , ...quindi..ATTENZIONE quando si presenta qualcuno di queste agenzie che cercano di riscuotere somme di denaro..NON PAGATE -
    • msan.mr
      La crisi del 2008, peraltro già predestinata decenni prima, ha dato lo squillo di tromba all'attacco della casta finanziaria anglo-sionista-ammerecano contro le istituzioni e i sistemi economici e finanziari europei, al fine di creare un Governo centrale transnazionale e federato, Europeo.

      La guerra contro l'Europa civile, all'insegna dei pretesti del Debito Pubblico da un lato e della minaccia Russa, dall'altro, sta letteralmente distruggendo l'Europa e ricostruendone contemporaneamente sulle progressive macerie, territori desovranizzati, povertà crescente ed infeudata, prostituzione strutturale, nuovo servaggio e privatizzazione di tutti gli ex-servizi pubblici, per non parlare poi della miscelazione babelico-eugenetica del ceppo etnico italico.

      Italia ed Europa dei popoli, laboratorio a cielo aperto dei topi umani razziali, a rischio totale delle radici, della propria memoria e del proprio DNA genomico!!

      Altro che banche italiane e riforme referendate! Altro che borsa tedesca in soccorso delle banche italiche!

      Ma come si può pensare che una banca, qualunque e di qualunque tipo, possa sopravvivere senza la vita economica di un Paese!!

      Qua si sente solo parlare in termini di banche, di genetismo delle sopravvivenze, piuttosto che del principio fondamentale ed elementare che una Banca, finanziaria o Commerciale che sia, vive comunque se c'è economia.

      Ma come si può pensare ad un'economia, laddove non circoli il danaro nelle tasche della gente?

      Ma veramente pensiamo che tutte le chiacchiere fino ad oggi udite dai vari governi, di ipotizzabili "quantitative easing" politico di sgravi fiscali, incentivi e quan'altro, a favore delle nostre aziende, possano fare economia?

      Menzogne. Il vero problema è la socializzazione della moneta, il suo signoraggio che metta in circolo liquidità nelle tasche della gente, favorendo soprattutto investimenti pubblici ed occupazione e piani di investimento nazionale, pubblici e privati.

      Così si ricrea il circuito economico del mercati, ed è così che comincerebbero a funzionare le Banche, sia finanziarie che commerciali, altro che la Borsa e le sue speculazioni: il circuito della domnda e dell'offerta!"!

      Ma io credo che il progetto ideologico di Potere ed il suo Governo Europeo oggi e Mondiale domani, concepiti e gestito da lla Goldman Sachs dei Rothschild e dagli istituti finanziari e fondazioni & Rockefeller & Morgan, Soros e politiche Bilderbergers, siano la vera causa e gli antefatti della dilagante Corruzione funzionale in Italia ed in Europa, ed è lì il cuore dello Sfascismo che ci sta distruggndo come in una grande guerra!
    • Pietro
      "Il debito italiano alla fine di tutto verrà pagato dalla UE a spese della Germania."
      Ancora con questa fandonia.
      Il debito dell'italia e' impagabile, come lo e' quello di germania e Usa. Semplicemente, gli Usa e la UE essendo a libro paga del "mercato", possono dare il via libera a continuare in eterno lo schema di ponzi del debito che ripaga debito qualora l'italia si comporti "come vuole il mercato"... e cosa comporta seguire il mercato? comporta debito - e quindi interessi assoluti - sempre piu' alti e controllo del paese col ricatto del debito...
      La bussola e' stat gia' persa da tempo.
    • Harald
      Di solito non voto perche tanto non serve a niente....in quanto quelli che stanno al governo obbediscono a chi gli sta dietro.....però questa volta ci vado...è troppo importante la questione....
      "No" marcato forte!!!
      A PS Capisco le ragioni del controllo prima della pubblicazione del post....ma a me personalmente non piace questo sistema.....poi ognuno a casa sua fa come gli pare....comunque se posso dare un suggerimento....potreste sbloccare da quel controllo quegli utenti vecchi e affezionati che hanno dimostrato affidabilità.....nel senso che non sono attaccabrighe.....una specie di pass per i più affezionati.
      Se farete in questo modo sicuramente (mi permetto di parlare a nome di tutti) i vecchi utenti più affezionati ne saranno contenti....poi ripeto la decisione spetta a voi....nel caso l'idea non vi aggrada pazienza.
    • belli corradoIn risposta Harald(Mostra commentoNascondi commento)
      Harald, Concordo pienamente-

      Saluti
    • jaodernein garshinvic
      Economisti...
      10 e lode per le spiegazioni, zero spaccato per le previsioni...non solo non hanno previsto la crisi del 2008, proprio non ne hanno MAI prevista una arrivare e dato l'allarme in tempo.
    • msan.mr
      Non sono d'accordo con le critiche alla redaziine. Non mi piacciono le parrocchie, e considerati alcuni recenti episodi di pesante sregola", capisco come la redazione intenda cautelarsi riconoscendo tutti uguali di fronte al regolamento che regola questo spazio commenti.
    • Harald
      Ps per votare No dovete mettere una croce sopra al no....se invece volete
      votare SI dovete mettere una croce sopra al No per cancellarlo!!
    Mostra nuovi commenti (0)

    Top stories

    • Donald Trump

      Il Wall Street Journal vede come futuro Segretario di Stato USA, il Cavaliere dell’odine russo dell’Amicizia e dirigente di Exxon Mobil Rex Tillerson. Come segnala la testata, egli ha sempre collaborato con successo con Vladimir Putin ed è schierato apertamente contro le sanzioni alla Russia.

      4777
    • Militari dell'esercito della Libia

      All’insaputa del pubblico a fine novembre si è recato a Mosca il comandante dell’apparato militare libico Khalifa Belqasim Haftar dove è stato ricevuto dal ministero degli Esteri, dal ministero della Difesa e dal Consiglio di sicurezza.

      51404
    • Un venditore al mercato Berkat di Grozny

      - 70%, non è una percentuale di voto, ma quella del calo dell'export italiano in Russia negli ultimi tre anni. Dati di Ernesto Ferlenghi, presidente di Confindustria Russia, che ora lancia la nuova sfida: restare competitivi cogliendo le opportunità offerte dall'Unione Euroasiatica.

      91738
    • Referendum costituzionale in Italia

      Si discettava, prima del voto, su chi sarebbe stato il vero vincitore del referendum qualora avesse vinto il “no”. Ebbene, tutti i partiti, e nessuno, hanno vinto perché il fronte degli oppositori alla riforma è stato così numeroso e variegato che chiunque voglia intestarsi il successo commette un atto di appropriazione indebita.

      81312
    • Vladimir Putin

      Mi piacerebbe viaggiare per il mondo, ha detto il presidente Vladimir Putin nel corso di una visita ad una fonderia a Chelyabinsk. La domanda è stata rivolta a Putin da uno degli operai.

      323554
    • Per Renzi, se questa legge elettorale non passa è l'idea stessa di Pd come motore del cambiamento dell'Italia che viene meno”.

      Si respira un’euforia trasversale nel fronte del No, dopo la schiacciante vittoria riportata nel referendum del 4 dicembre.

      374696