08:59 08 Dicembre 2016
    Premier giapponese Shinzo Abe

    Il Giappone adotta nuove sanzioni contro la Corea del Nord

    © AP Photo/ Shizuo Kambayashi
    Economia
    URL abbreviato
    1253011

    Il governo giapponese ha adottato nuove sanzioni contro la Corea del Nord in risposta al 5° test nucleare di Pyongyang.

    Il nuovo pacchetto di misure afflittive include l'estensione del divieto di reingresso nel Paese alla direzione residente in Giappone dell'Associazione dei nordcoreani, così come agli scienziati nucleari stranieri ed esperti nel campo delle tecnologie missilistiche che sono stati in Corea del Nord; il divieto di ingresso nei porti di tutte le navi, anche giapponesi, se hanno in passato fatto scalo in Corea del Nord; è stato ampliato l'elenco delle persone fisiche e delle organizzazioni della Corea del Nord legate allo sviluppo nucleare e missilistico i cui conti correnti e beni in Giappone sono congelati, riporta l'agenzia Kyodo.

    Inoltre in virtù del proseguimento delle sanzioni annunciate dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, il governo giapponese ha vietato l'esportazione in Corea del Nord di nuovi aerei ed elicotteri, così come ha vietato le importazioni da Pyongyang di rame, nichel e argento.

    Nella corrispondente riunione di governo, il primo ministro giapponese ha detto che l'inasprimento delle sanzioni dovrebbe risolvere il problema degli ostaggi giapponesi, rapiti e detenuti forzatamente in Corea del Nord negli anni '70-'80, così come la questione del programma nucleare e missilistico di Pyongyang.

    Come precedentemente riportato, in seguito all'adozione delle sanzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, la Corea del Sud ha in programma oggi di annunciare le nuove misure afflittive contro il suo vicino.

    Correlati:

    Corea del Sud, nuova arma per abbattere i droni di Pyongyang
    Con Trump Corea e Giappone vogliono più armi nucleari dagli USA
    Le sanzioni contro la Corea del Nord accelerano il suo programma nucleare
    Onu, via libera a nuove sanzioni per la Corea del Nord
    Casa Bianca sicura, sanzioni saranno un problema per programma nucleare di Pyongyang
    Tags:
    Sanzioni, Politica Internazionale, Difesa, Sicurezza, armi nucleari, test nucleare, Shinzo Abe, Penisola coreana, Corea del Sud, Corea del Nord, Giappone
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Top stories

    • Donald Trump

      Il Wall Street Journal vede come futuro Segretario di Stato USA, il Cavaliere dell’odine russo dell’Amicizia e dirigente di Exxon Mobil Rex Tillerson. Come segnala la testata, egli ha sempre collaborato con successo con Vladimir Putin ed è schierato apertamente contro le sanzioni alla Russia.

      4777
    • Militari dell'esercito della Libia

      All’insaputa del pubblico a fine novembre si è recato a Mosca il comandante dell’apparato militare libico Khalifa Belqasim Haftar dove è stato ricevuto dal ministero degli Esteri, dal ministero della Difesa e dal Consiglio di sicurezza.

      51404
    • Un venditore al mercato Berkat di Grozny

      - 70%, non è una percentuale di voto, ma quella del calo dell'export italiano in Russia negli ultimi tre anni. Dati di Ernesto Ferlenghi, presidente di Confindustria Russia, che ora lancia la nuova sfida: restare competitivi cogliendo le opportunità offerte dall'Unione Euroasiatica.

      91738
    • Referendum costituzionale in Italia

      Si discettava, prima del voto, su chi sarebbe stato il vero vincitore del referendum qualora avesse vinto il “no”. Ebbene, tutti i partiti, e nessuno, hanno vinto perché il fronte degli oppositori alla riforma è stato così numeroso e variegato che chiunque voglia intestarsi il successo commette un atto di appropriazione indebita.

      81312
    • Vladimir Putin

      Mi piacerebbe viaggiare per il mondo, ha detto il presidente Vladimir Putin nel corso di una visita ad una fonderia a Chelyabinsk. La domanda è stata rivolta a Putin da uno degli operai.

      323554
    • Per Renzi, se questa legge elettorale non passa è l'idea stessa di Pd come motore del cambiamento dell'Italia che viene meno”.

      Si respira un’euforia trasversale nel fronte del No, dopo la schiacciante vittoria riportata nel referendum del 4 dicembre.

      374696