09:32 05 Dicembre 2016
    Estrazione petrolio

    Petrolio, in futuro il prezzo per barile non supererà i 55 dollari

    © Fotolia/ marrakeshh
    Economia
    URL abbreviato
    4106415

    Indipendentemente dalla decisione dell’OPEC il prezzo del petrolio nei prossimi anni non supererà i 50-55 dollari al barile a causa delle estrazioni del petrolio di scisto. Lo ha dichiarato l’economista azero Natig Jafarli.

    È in corso a Vienna il vertice OPEC al cui ordine del giorno c'è la decisione finale sulla questione della limitazione alle estrazioni. Alla fine di settembre, in un incontro informale ad Algeri, l'organizzazione aveva deciso di limitare le estrazioni a 32,5-33 milioni di barili di petrolio al giorno. Tuttavia non esistono limiti concreti alle estrazioni in ogni singolo paese dell'organizzazione.

    "Nel mercato petrolifero si è formato un nuovo effetto: la valvola dello scisto. Il prezzo del petrolio superiore ai 50 dollari al barile presto aprirà questa valvola. Le estrazioni negli USA stanno aumentando, mentre i prezzi si stanno di nuovo abbassando. Quindi in futuro questo fattore sarà determinante nella formulazione del prezzo del petrolio. È difficile che il prezzo del barile in futuro supererà i 50-55 dollari indipendentemente dai risultati del vertice OPEC", ha spiegato Jafarli.

    Correlati:

    Iraq, il premier esclude di pagare gli USA col petrolio per gli aiuti contro ISIS
    Сolloquio telefonico Putin-Rouhani: focus su petrolio e Siria
    Venezuela, ministro Petrolio in Russia per accordo su limitazione produzione petrolio
    Tags:
    prezzo, barile, estrazione, Crollo prezzo del petrolio, petrolio, Caso petrolio, OPEC
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik

    Tutti i commenti

    • roberto
      e tu sei un imbecille. penso a quella disgraziata di tua madre. Con un coglione in casa chissà quanto si vergogna....
    • nikita
      Ma per quale motivo l'Italia non acquista il petrolio dalla Russia?
      Costerebbe meno e tutti i cittadini ne trarrebbero notevoli benefici, incluso il macro settore economico della PMI!
      Invece il silenzio più assordante!
      Seguire le lungimiranti orme di Mattei non credo sia un male!
    Mostra nuovi commenti (0)

    Top stories

    • Matteo Renzi

      Il Referendum Costituzionale in Italia ha visto la vittoria del NO, con il 60% dei voti. Il primo ministro Matteo Renzi si è dimesso.

      15680
    • Il teatro Bolshoi

      Mosca splenderà con le luci italiane, che abbelliranno diverse piazze e vie della capitale russa. È tempo di allegria e serenità, di sogni e speranze per il futuro. Per un vero Capodanno a Mosca non poteva mancare il talento italiano. Italia e Russia, è ora di fare festa insieme!

      4959
    • Petro Poroshenko

      L’avvocato veronese Guariente Guarienti ha depositato una denuncia alla Procura di Verona nei confronti del presidente della Repubblica Ucraina Petr Poroshenko per il mancato ritorno in Italia dei 17 quadri tra cui le opere di Tintoretto, Mantegna e Rubens.

      61277
    • Ministro degli Esteri della Russia Sergey Lavrov

      Dal 1 al 3 dicembre sta svolgendo a Roma il Forum MED "Beyond turmoil, a positive agenda". Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov è stato uno dei principali protagonisti del forum. Ha parlato della sicurezza comune, lotta al terrorismo e del futuro del Medio Oriente. Ecco il riassunto del suo intervento.

      131796
    • Visitatori alla più grande mostra al mondo della collezione dei Musei Vaticani Roma Aeterna.

      “Roma Aeterna”, una mostra eccezionale che ha portato a Mosca i tesori della Pinacoteca Vaticana. Un evento senza precedenti: il pubblico russo potrà ammirare alla Galleria Tretyakov 42 capolavori di Caravaggio, Raffaello, Bellini, Guercino, solo per citare alcuni nomi. Viva l’arte, ponte imbattibile fra Russia e Italia.

      3767
    • Rome, Italy

      Si avvicina il 4 dicembre e finalmente i cittadini italiani voteranno al referendum costituzionale. Negli ultimi mesi si sono alternati slogan altisonanti, previsioni apocalittiche, trasformando così il dibattito sulla Carta Costituzionale in un voto politico. Perché votare sì e perché votare no?

      222539