06:46 27 Aprile 2018
Roma+ 11°C
Mosca+ 5°C
    Rainer Seele, direttore esecutivo OMV

    Dal business austriaco un no categorico a nuova spirale di sanzioni contro la Russia

    © REUTERS / Heinz-Peter Bader
    Economia
    URL abbreviato
    3250

    L'Europa non deve imporre nuove sanzioni contro la Russia per la Siria, perché in questo modo l'economia verrebbe trascinata in un'altra spirale di sanzioni, ha affermato Rainer Seele, numero uno della società OMV, colosso energetico austriaco.

    In precedenza, il ministro degli Esteri britannico Boris Johnson aveva detto che Washington e Londra stanno prendendo in considerazione nuove sanzioni economiche contro la Siria e la Russia per l'escalation ad Aleppo. Il segretario di Stato americano John Kerry ha successivamente dichiarato che le nuove sanzioni contro la Russia e la Siria potrebbero essere introdotte entro pochi giorni.

    "Le spirale delle sanzioni non fa altro che peggiorare il clima, proprio quando abbiamo raggiunto il punto in cui diciamo che vogliamo svoltare pagina sulle sanzioni. In Europa ci sono sempre più voci su questa linea", — ha detto.

    Ha espresso sostegno alla posizione del ministro degli Esteri austriaco Sebastian Kurz, che ha dichiarato l'inammissibilità di un'ulteriore escalation tra Europa e Russia: "al contrario occorre una de-escalation", ha rilevato Seele.

    Correlati:

    Sanzioni e russofobia inutili, Russia serve all'Occidente: la spiegazione di Le Figaro
    Siria, Cremlino: no a retorica delle sanzioni anti-Russia
    Politico: L’UE non riesce a giungere ad un giudizio condiviso sulle sanzioni alla Russia
    Siria, Mogherini: nessuno Stato Ue ha proposto sanzioni per la Russia
    Kerry: presto la decisione su nuove sanzioni a Russia e Siria
    Tags:
    Politica Internazionale, Business, sanzioni antirusse, Economia, crisi in Siria, Unione Europea, Rainer Seele, Aleppo, Austria, Gran Bretagna, USA, UE, Siria, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik