15:17 19 Settembre 2017
Roma+ 22°C
Mosca+ 13°C
    Un treno in Lituania

    La UE chiede alla Lituania di preservare l'eredità sovietica

    © flickr.com/ Marijus Medišauskas
    Economia
    URL abbreviato
    51767281

    Oltre ai traumi dell'infanzia l'Urss ha lasciato nel Baltico qualche bene. Ma di queste proprietà è rimasto ben poco. Non c'è nessuno che possa guardarci. Ma in caso estremo ci hanno pensato. Questa volta una commissione di Bruxelles.

    Quando persone buone litigano è sempre spiacevole. Quando litigano 2 Paesi lo è ancora di più. Soprattutto in questo momento quando in Europa occorre mostrare a tutti il proprio amore reciproco, gli stessi pensieri e le stesse opinioni. Non tanto tra di loro, ma alla Russia. Perché il nemico non dorme ad est: non appena qualche europeo litiga con un altro, la propaganda del Cremlino può sicuramente trarne vantaggio. Davanti al Cremlino non si vuole litigare. Ma è impossibile.

    Ecco una storia capitata in Lituania. La totalitaria Urss ha lasciato dopo di sé alle "tigri economiche del Baltico". oltre ai traumi dell'infanzia, qualche infrastruttura. C'era una ferrovia per il trasporto delle merci dalla Lituania alla Lettonia. Quando è arrivato il libero mercato molto si è trasformato nel nulla. Hanno preso e smantellato questa ferrovia. Hanno preso il metallo. Tanto l'industria manifatturiera non è così attiva, non c'è nessuna merce: è inutile farla rimanere lì.

    Dopo è arrivata in Lituania una compagnia petrolifera polacca, si è guardata intorno ed ha iniziato a parlarne male alla Commissione Europea. Dice, punite i lituani. Ci sono molte ferrovie abbandonate ed hanno smantellato proprio questo collegamento affinchè trasportassimo le merci in Lettonia solo con chi dicono loro. I piccoli dicono che ci sono dappertutto i monopolisti. Dal momento che agli europei mette il voltastomaco tutto quello che inizia con "mono", si sono messi gli occhiali ed hanno cominciato a discutere di riparazione.

    Hanno riparato e riparato. Hanno chiamato i lituani per chiedere loro: per quale motivo avete smantellato la ferrovia? Dove sono andate a finire le rotaie? Chi ha smantellato? I lituani: sono andate a destra e sinistra, qualcosa per l'ambiente, per il miglioramento del saldo migratorio, per le inefficienze e il consumo di energia e la lotta del vecchio regime. Ma in qualche modo tutto passa. Dicono che avete costruito tutto "mono". E "mono" nella UE non esiste. Smonterete quando lo decideremo. In generale ricostruite immediatamente la ferrovia. Non lo fate, e sarete multati. Mille euro per ogni traversina ferroviaria…. In totale 43 milioni. Questo è per voi, per non fare nulla la prossima volta.

    Naturalmente è un vero peccato chiedere. Gli esperti-ministri dicono che questa ferrovia è maledetta, se l'è ripresa il bosco. Non puoi mandare un bosco alla Commissione Europea. Allora si sono messi in contatto con la Polonia. Non con un testo normale, ma arzigogolato. Lo stesso con la Lettonia, vicino nel bene. Gli interessi per esempio si intersecano. La Polonia e la Lettonia sono interessate a questa ferrovia, la Lituania no: perché ci fanno buttare via questi soldi? Non fa tenere aperto un cantiere per 30 anni: qual è il senso?

    E la cosa più sgradevole che questi conflitti fanno divertire solo il Cremlino. Minano l'immagine dell'ideale dell'unità europea.

    Ma non è necessario prendersela a cuore. Occorre solo capire come uscirne fuori bene da questa situazione. Per esempio dire che la Lituania sta costruendo una ferrovia su cui viaggeranno i carri armati della NATO. Cosa in effetti è così importante? La memoria di un cittadino comune europeo è di 1 mese, dopo ci pensa Google, che primo o poi se ne dimentica. Vedrete, forse butteranno qualche soldo sulla povertà.

    Tags:
    Economia, URSS, Ferrovie, Unione Europea, UE, Lettonia, Paesi Baltici, Polonia, Lituania
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik