Widgets Magazine
10:28 19 Luglio 2019
Kiev

Ucraina stima le perdite derivanti dalle restrizioni commerciali della Russia

© Sputnik . Alexei Furman
Economia
URL abbreviato
10270

Le perdite economiche di Kiev per le restrizioni commerciali imposte dalla Russia ammonteranno ad 1 miliardo di dollari entro la fine di quest'anno, ha dichiarato in un'intervista al portale web d'informazione "Apostrophe" il vice ministro dell'Economia e rappresentante commerciale dell'Ucraina Natalia Mikolskaya.

Secondo lei, negli ultimi 5 mesi dell'anno corrente le esportazioni ucraine verso la Russia sono diminuite del 36,2% rispetto allo stesso periodo del 2015. Le esportazioni in Kazakistan hanno registrato un calo del 46,2% nel periodo gennaio-maggio (-136,4 milioni di dollari).

"Alla fine del 2016, secondo le nostre stime, per le misure imposte dalla Russia l'economia ucraina accuserà una perdita di circa 1 miliardo di dollari," — ha detto la Mikolskaya.

Dal 1° luglio, secondo il decreto sulle misure per la sicurezza economica e la tutela degli interessi nazionali della Russia, è stato introdotto un divieto temporaneo al transito stradale e ferroviario delle merci ucraine dirette in Kazakistan e Kirghizistan, per cui in Russia sono previsti dazi doganali, così come per i prodotti inclusi nella lista "contro-sanzioni". Kiev ha accusato Mosca di bloccare il transito delle merci ucraine sul suo territorio in violazione delle norme del WTO.

Inoltre dal 1° gennaio 2016 Mosca ha inserito l'Ucraina nella lista dei Paesi sanzionati con l'embargo agroalimentare per il sostegno di Kiev alle misure restrittive imposte dall'Occidente.

Correlati:

Ucraina non vuole rompere in toto le relazioni diplomatiche con la Russia
USA, UE, Turchia e Canada appoggiano l'Ucraina al Wto contro le sanzioni della Russia
“UE non vuole considerare gli interessi della Russia su associazione con Ucraina”
Bruxelles rifiuta proposta compromesso Russia su accordo associazione Ucraina-UE
Tags:
Sanzioni, Economia, Commercio, dazi, WTO, Ucraina, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik