15:33 16 Giugno 2019
Rating

Per agenzia di rating cinese la Russia è meglio degli USA

© Sputnik .
Economia
URL abbreviato
4362

Secondo una delle 3 più grandi agenzie di rating cinese, la “Dagong Global Credit Rating”, gli asset russi di investimento hanno ottenuto il giudizio positivo A con outlook stabile, superiore al livello di attrattività degli investimenti degli Stati Uniti.

Questa valutazione della "Dagong" appare in controtendenza in base al fatto che "Fitch" e "Moody's" valutano al massimo gli Stati Uniti con outlook "stabile", mentre solo "Standard&Poor's" ha deciso di abbassare il rating americano dalla tripla A ad AA+.

Tenuto conto di questa differenza, trova sempre più credibilità il fatto che le decisioni delle 3 più importanti agenzie di rating statunitensi siano spesso politicamente condizionate. Entrambe prendono posizioni eccessivamente pessimistiche nel valutare la Russia, agendo in sintonia con la politica occidentale antirussa e cercando di spaventare gli investitori.

Mentre per la "Dagong", secondo le spiegazioni dell'amministratore delegato Guan Jianzhong, prende in considerazione solo la capacità del governo di rimborsare il debito. Quanto è vero questo approccio?

"Sputnik" ha parlato con l'analista finanziario della rivista "Expert" Anna Koroleva:

"Spesso le decisioni sono politicizzate, anche se questo fenomeno ha le sue specificità. Questo non vuol dire che dettano a queste agenzie direttamente qualcosa di preconfezionato. Su di loro non ci sono pressioni politiche dirette. Tuttavia le agenzie si concentrano sia sul mercato interno e sugli interessi degli investitori, soprattutto americani ed europei. In generale valutano gli indicatori che interessano ai grandi investitori occidentali. Non è sorprendente che molti investitori stranieri se ne siano andato dopo l'imposizione delle sanzioni, in quanto devono prendere in considerazione i rischi di cooperazione con la Russia.

Ma questo ha i suoi vantaggi. In Russia si sono aperte diverse nicchie di mercato, dove è possibile operare. Gli investitori, soprattutto provenienti dai vicini Paesi asiatici, tra cui la Cina, ne sono ben consapevoli. Dal punto di vista delle prospettive economiche, nessuno nega che la Russia è un Paese enorme con un grande potenziale. Nonostante le sanzioni, non si può ignorare questo mercato. Resta inteso anche da parte degli investitori occidentali. Dai rappresentanti delle maggiori economie, imprenditori italiani, francesi e tedeschi, oggi si sentono spesso dichiarazioni contro le sanzioni alla Russia. Guardano con invidia e rammarico oggi il mercato russo, che qualcuno di loro ha dovuto lasciare. Allo stesso tempo coloro che sono entrati nel mercato russo hanno un enorme vantaggio rispetto a quello che se ne sono andati dopo le sanzioni e si apprestano a ritornare."

Secondo l'A.D. della "Dagong" Guan Jianzhong, i Paesi occidentali utilizzano i rating di credito come strumento per proteggere i propri interessi. E 'chiaro che la crisi finanziaria del 2008 è stata in gran parte causata dalla crisi dei mutui, legata a valutazioni errate.

Anna Koroleva è d'accordo con lui:

Non è un caso che dopo l'esplosione della crisi, in Occidente siano state avviate diverse grandi inchieste contro le stesse agenzie di rating. Per le loro valutazioni hanno patito costi piuttosto pesanti. Inoltre le inchieste sono ancora in corso. Questi rischi reputazionali costringono le agenzie di rating a nascondere i loro difetti. A volte anche ad incorrere in costi enormi, per difendere la loro posizione in tribunale. Questo è il prezzo dell'errore.

L'agenzia di rating cinese "Dagong" è stata fondata nel 1994 e non è formalmente legata allo Stato.

La "Dagong" ha iniziato a valutare i debiti sovrani nel 2010, rompendo il monopolio delle agenzie di rating americane.

Correlati:

Mosca ironizza sul rating negativo ricevuto da Moody's
Agenzie di rating occidentali eccessivamente pessimistiche nei confronti della Russia
Nasce l’Agenzia nazionale di rating russa
Per la Russia i downgrade delle agenzie di rating sono parte della guerra di sanzioni dell'Occidente
Tags:
Agenzie di rating, Geopolitica, Economia, Economia della Russia, Borsa&Mercati, Finanze, Debito pubblico, Dagong, USA, Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik