03:55 18 Dicembre 2017
Roma+ 5°C
Mosca+ 1°C
    Bandiere di Germania, Russia e UE

    Berlino detta le condizioni per sostenere il gasdotto russo Nord Stream-2 nel Baltico

    © Sputnik. Sergey Guneev
    Economia
    URL abbreviato
    6213

    La Germania sosterrà il progetto di costruzione del gasdotto "Nord Stream-2" dalla Russia verso l'Europa se verranno rispettate 3 condizioni, segnala Bloomberg riportando le parole del ministro dell'Economia e dell'Energia della Germania Sigmar Gabriel.

    "La Germania ha fissato 3 condizioni per il sostegno del progetto: Nord Stream deve soddisfare le normative europee, non minacciare il transito di gas attraverso l'Ucraina e non limitare le forniture di gas verso l'Europa orientale", — ha detto.

    Il 1° giugno scorso il vicepresidente della Commissione Europea sull'Energia Maroš Šefčovič aveva dichiarato che la Commissione Europea ritiene necessario stabilire regole ad hoc di solito applicate in mancanza di corrispondenza tra le diverse legislazioni per il progetto di costruzione del gasdotto "Nord Stream-2" e si aspetta idee dal regolatore tedesco.

    Il progetto "Nord Stream-2" prevede la realizzazione di due rami di gasdotto con una capacità totale di 55 miliardi di metri cubi di gas all'anno dalla costa russa del Mar Baltico alle coste della Germania. Gazprom deterrà il 50% dell'opera, le imprese europee OMV, BASF, Engie, Shell, Uniper il 10%. Il nuovo gasdotto verrà costruito in prossimità di "Nord Stream".

    Correlati:

    USA propongono alla UE di "prendersi una pausa" nella costruzione di Nord Stream-2
    USA sicuri, "Nord Stream-2" mette in ginocchio l'Europa orientale
    “Nord Stream-2 fondamentale per la Scandinavia”
    Ucraina presenta esposto alla Commissione Europea contro “Nord Stream-2”
    USA spaventati cercano di bloccare “Nord Stream-2”
    Tags:
    Economia, Politica Internazionale, Energia, Nord Stream 2, gasdotto, gas della Russia, Unione Europea, Maroš Šefčovič, Sigmar Gabriel, Europa orientale, UE, Germania, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik