02:14 15 Aprile 2021
Economia
URL abbreviato
434
Seguici su

La "Saudi Aramco", compagnia petrolifera statale dell'Arabia Saudita, ha alzato il prezzo del petrolio per gli Stati Uniti, dopo averlo ridotto in Europa, segnala il "Wall Street Journal".

I prezzi saranno ridotti di 35 centesimi al barile per la regione nord-occidentale dell'Europa, mentre lo sconto per il Mediterraneo si attesterà sui 10 centesimi. Contemporaneamente è salito di 10 centesimi il prezzo per gli Stati Uniti. Il discorso riguarda le consegne di luglio.

Secondo il giornale, il calo dei prezzi in Europa è dovuto alla ripresa delle forniture di petrolio dell'Iran iniziate lo scorso febbraio.

Al momento il volume delle esportazioni di petrolio dall'Arabia Saudita è di 800mila barili al giorno, dall'Iran 400mila, tuttavia Teheran prevede di aumentare le forniture a 700mila barili nei prossimi mesi.

Il 2 giugno a Vienna si è svolta una riunione ordinaria dei ministri del Petrolio dell'Energia dell'OPEC, per discutere la possibilità di "congelare" il livello di produzione di petrolio. Al termine del vertice non è stato raggiunto un accordo. Il prossimo vertice dell'OPEC si svolgerà nella capitale austriaca il prossimo 30 novembre.

Correlati:

Mosca: no influenza su prezzi petrolio da riunione Opec
OPEC vuole rafforzare la cooperazione con la Russia
Petrolio, Arabia Saudita fa i propri interessi ignorando OPEC
La Russia all'OPEC: “pronti a congelare la produzione di petrolio se vi accordate”
Per Mosca l'OPEC non regola più il mercato mondiale del petrolio
Tags:
Energia, Petrolio, Unione Europea, Iran, USA, Europa, UE, Arabia Saudita
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook