17:36 17 Giugno 2019
Bandiere di Russia e UE

Il costo per l'Occidente delle sanzioni di risposta della Russia supera i 9 miliardi $

© Sputnik . Vladimir Sergeev
Economia
URL abbreviato
251

L'introduzione da parte di Mosca dell'embargo agroalimentare contro la UE e gli Stati Uniti (escludendo la Turchia e l'Ucraina) è costata agli importatori stranieri 9,3 miliardi di dollari, si afferma nel rapporto "Embargo alimentare: i risultati del 2015" a cura del Centro di analisi del governo russo.

La più grande è stata la "prima ondata" di sanzioni, quando il 7 agosto 2014 la Russia aveva imposto le misure di risposta contro l'Unione Europea, così come contro gli Stati Uniti, il Canada, l'Australia e la Norvegia.

Allora vennero vietate le importazioni di manzo, maiale, frattaglie, pollame, pesce, latte e latticini, alcune verdure, frutta e noci. In base al valore complessivo delle merci fornite da questi Paesi in Russia nel 2013, il danno ai fornitori ammonta a 9,1 miliardi di dollari, si legge nel rapporto.

Nel giugno 2015 le sanzioni sono state estese per un altro anno e ad agosto le restrizioni sono state estese ad Islanda, Albania, Montenegro e Liechtenstein (Paesi che hanno sostenuto le sanzioni anti-russi). In base ai dati delle esportazioni da questi Paesi verso la Russia dei prodotti alimentari oggetto delle sanzioni, il danno ai fornitori ammonta a 241 milioni di dollari.

Sommando questi valori si ottiene che i danni delle sanzioni di risposta della Russia superano i 9,3 miliardi di dollari.

Correlati:

Impatto sull’economia italiana delle sanzioni alla Russia
No sanzioni, sì Crimea. Il voto veneto è solo l’inizio?
Il Veneto dice no alle sanzioni contro la Russia e critica politica UE su Crimea
Peskov: la Russia nota come tutti siano stati danneggiati dalle sanzioni contro Mosca
“UE teme ritorsioni degli USA per la cancellazione delle sanzioni contro la Russia”
“Sanzioni dell'Occidente contro Russia dimostrano impotenza di influenzare Kiev”
Tags:
Politica Internazionale, Economia, sanzioni antirusse, Sanzioni, Occidente, Unione Europea, governo, UE, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik