Widgets Magazine
11:48 20 Agosto 2019
Estrazione petrolio

Financial Times: mai così basso da 60 anni lo sviluppo dei nuovi giacimenti di petrolio

© flickr.com/ Dana Schagunn
Economia
URL abbreviato
240

Lo sviluppo globale dei nuovi giacimenti petroliferi è sceso ai minimi di 60 anni fa: questo fatto indica un potenziale calo dell'offerta nei prossimi 10 anni, scrive il "Financial Times".

Secondo lo studio della società di consulenza IHS, nel 2015 sono stati scoperti 2,8 miliardi di petrolio greggio. E' il valore minimo annuo dal 1954: riflette la volontà di diverse compagnie di risparmiare sulle esplorazioni dei nuovi pozzi, scrive il "Financial Times".

Tuttavia questi dati non sono il segnale che il petrolio si stia esaurendo nel mondo. Come notato da "Wood Mackenzie", un'altra società di consulenza, negli ultimi anni la produzione di petrolio è aumentata per i giacimenti esistenti piuttosto che per i nuovi pozzi nel mondo.

Tuttavia se non migliorerà la tendenza negativa dello sviluppo dei nuovi giacimenti, l'offerta calerà di 4,5 milioni di barili al giorno entro il 2035.

In questo contesto i prezzi del petrolio potrebbero salire, mentre il mondo diventerà sempre più dipendente dai giacimenti in uso.

Il "Financial Times" osserva che la maggior parte delle nuove riserve petrolifere si trova nelle acque profonde. In queste difficili condizioni per il loro sviluppo ci vogliono 7 anni.

Correlati:

Iran respinge piano saudita per congelare la produzione di petrolio
Arabia Saudita avverte i mercati: su petrolio nessun cambio di politica
Petrolio, probabile incontro tra ministri di Russia e Iran prima vertice OPEC
Bloomberg: il petrolio potrebbe cadere nella stessa trappola del 2015
Tags:
Borsa&Mercati, Scienza e Tecnica, Tecnologia, Energia, Crollo prezzo del petrolio, Petrolio, investimenti
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik