Widgets Magazine
21:22 18 Luglio 2019
Gazprom

Gazprom vende gas alla Serbia al prezzo più caro in Europa?

© Sputnik . Ilya Pitaliov
Economia
URL abbreviato
4211

In un'intervista con la rivista serba "Danas", il direttore generale della società del gas serba "Srbijagas" Dusan Bajatovic ha smontato il mito secondo cui "Gazprom" venderebbe al partner strategico della Russia il gas al prezzo più alto in Europa.

"Questa è disinformazione, che non è suffragata dai fatti e dai numeri. Al momento la Serbia paga 138 dollari per mille metri cubi di gas russo," — ha rilevato Bajatovic.

Alla domanda su come avverranno le forniture di gas russo in Serbia se nel 2019 "Gazprom" fermerà il transito attraverso l'Ucraina, Bajatovic ha risposto:

"in questo caso la Serbia può venir rifornita tramite "Nord Stream-1" e in futuro da "Nord Stream-2". Stiamo trattando con la parte russa per le forniture attraverso il confine serbo-ungherese, così come abbiamo preso il gas fino ad ora. In questo caso il prezzo di transito potrebbe essere leggermente superiore. Ne stiamo parlando con la Russia per garantire che i prezzi non aumentino in futuro. Lavoriamo con il nostro partner strategico "Gazprom" sulle rotte alternative di approvvigionamento di gas. Ci aspettiamo inoltre il completamento della costruzione di un gasdotto attraverso la Bulgaria per la Grecia, da dove potremmo ottenere il gas naturale liquefatto. Ma al momento manca questo tipo di gas e non ci sono le possibilità tecniche per essere distribuito. Lascia aperte domande la capacità del gasdotto bulgaro.

Per dirla breve, oggi in termini di quantità e affidabilità non esistono alternative al gas russo."

"Il gas russo è necessario, dal momento che si osserva un calo di produzione in Europa.

Tutti i dati suggeriscono che entro il 2035 l'Europa perderà altri 150 miliardi di metri cubi di gas. Oggi la Russia esporta 150 miliardi di metri cubi. Ciò significa che entro 20 anni l'Europa avrà bisogno della stessa quantità.

Inoltre la Commissione Europea ha adottato il progetto "Tesla", che di fatto rappresenta l'alternativa a "South Stream". E' stato incluso nei 100 progetti prioritari della UE. Ad un certo punto gli interessi economici dovrebbero avere la precedenza su quelli politici. Solo dopo in qualche modo il progetto "South Stream" sarà attuato, dopo che era stato lanciato per la domanda di gas russo dell'Europa, in particolare sud-orientale. Secondo le mie informazioni, potrebbe presto accadere la ripresa del progetto "South Stream".

Il prezzo che paga la Serbia per il gas russo in base ad un contratto di lungo termine con "Gazprom" si avvicina di più con quello dell'hub austriaco, dove il prezzo per lo stesso volume è di 9 dollare superiore, senza alcun costo aggiuntivo per il trasporto di gas attraverso l'Austria. Il prezzo totale del gas per l'hub austriaco è di 192 dollari. Si tratta del 39,1% in più rispetto al prezzo che paga "Srbijagas" sul contratto di lungo termine con Gazprom.

Nel 2015 la Serbia ha comprato gas dalla Russia per 465 milioni di euro. Se la Serbia lo avesse pagato con la "tariffa austriaca", avrebbe speso 647 milioni di euro. La parte russa non ha imposto penali a "Srbijagas" per il mancato utilizzo di volumi di gas, e le forniture aggiuntive in Serbia vengono pagate allo stesso prezzo previsto dal contratto.

Correlati:

Manifestazioni anti Nato in Serbia
Serbia, Dacic: sì adesione a Ue ma non a scapito dei rapporti con Russia
Il presidente della Serbia dice no all'ingresso nella NATO
Mosca commenta con scherno i tentativi della NATO di “sedurre” la Serbia
La Serbia preferisce la Russia all’UE
Cremlino: nessuna proposta dalla Russia per la UE sul gasdotto “South Stream”
Gas, UE detta le condizioni per riprendere il progetto “South Stream”
Tags:
Energia, Gas della Russia, Srbijagas, Gazprom, Unione Europea, Dusan Bajatovic, UE, Serbia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik