11:54 15 Dicembre 2018
Estrazione petrolio

Petrolio, nessun accordo al vertice di Doha: decisivo scontro Teheran-Riyadh

© flickr.com/ Dana Schagunn
Economia
URL abbreviato
9144

L'incontro tra i Paesi produttori di petrolio a Doha è cominciato in ritardo rispetto a quanto previsto per i diktat dell'Arabia Saudita in merito alla partecipazione di tutti i Paesi del cartello al congelamento della produzione.

La riunione dei Paesi produttori di petrolio a Doha sul congelamento della produzione si è conclusa senza un accordo, ha riferito il ministro dell'Energia della Nigeria Emmanuel Ibe Kachikwu.

L'incontro è iniziato con 6 ore e mezzo di ritardo rispetto al programma iniziale.

Come riportato a RIA Novosti da una fonte in una delle delegazioni, il ritardo era dovuto al fatto che l'Arabia Saudita aveva preteso che l'accordo venisse condiviso da parte di tutti i Paesi dell'OPEC, compreso l'Iran.

Allo stesso tempo Teheran, che all'inizio dell'anno si è liberato dalle sanzioni internazionali, ha rifiutato di inviare un rappresentante alla riunione ed ha dichiarato di voler aumentare il volume della produzione fino al livello pre-sanzioni.

Complessivamente hanno partecipato 17 Paesi alla riunione, compresi i membri non OPEC Russia, Azerbaigian, Messico, Kazakistan e Oman.

Correlati:

Al via vertice OPEC-Russia a Doha: obiettivo congelare produzione fino a settembre
Petrolio, presidente Venezuela Maduro accusa gli USA di pressioni su Russia e OPEC
Russia disposta a coordinazione con OPEC su produzione di petrolio
Errori di politica e prezzi del petrolio stanno polverizzando l'Arabia Saudita
Oro nero dietro lo scontro tra Arabia Saudita e Iran, mentre l’America...
L’Arabia Saudita minaccia di adottare nuove misure contro l’Iran
Tags:
Borsa&Mercati, Energia, Economia, Crollo prezzo del petrolio, Petrolio, OPEC, Arabia Saudita, Iran
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik