01:14 27 Novembre 2020
Economia
URL abbreviato
0 104
Seguici su

L'Iran inizierà a cooperare con gli altri Paesi in merito al congelamento della produzione petrolifera dopo che l'output produttivo nel Paese raggiungerà i 4 milioni di barili al giorno, ha riferito il ministro del Petrolio Bijan Zanganeh.

L'Iran è pronto a discutere con gli altri Paesi la questione del congelamento della produzione di petrolio solo quando l'output produttivo salirà fino a 4 milioni di barili al giorno, ha dichiarato oggi il ministro del Petrolio iraniano Bijan Zanganeh, riferisce l'agenzia di stampa "Isna".

"Fino a quando il petrolio non raggiungerà i 4 milioni di barili al giorno, non ci conviene lavorare in questa direzione. Solo dopo inizieremo a collaborare con loro," — ha detto, rispondendo alla domanda se il ministro dell'Energia russo Alexander Novak nel corso della visita in Iran cercherà di convincere Teheran ad aderire al congelamento della produzione.

Novak sarà in Iran lunedì 14 marzo, dove si incontrerà con il ministro del Petrolio e dell'Energia dell'Iran.

Alla fine di febbraio Zanganeh aveva detto che la produzione di petrolio giornaliera dell'Iran avrebbe raggiunto i 4,6 milioni di barili in base al programma quinquennale di sviluppo del Paese fino al 2021.

In una riunione a Doha nel mese di febbraio, la Russia, l'Arabia Saudita, il Qatar e il Venezuela avevano deciso di mantenere la produzione media al livello di gennaio, ma solo se l'iniziativa sarebbe stata appoggiata da tutti i Paesi produttori. Ecuador, Algeria, Nigeria, Oman, Kuwait ed Emirati Arabi avevano accolto con favore la proposta. L'Iran e l'Iraq avevano fatto sapere che avrebbero supportato le iniziative destinate a migliorare la situazione del mercato senza tuttavia promettere il congelamento della loro produzione.

Correlati:

Fiscal Times: rallegratevi, produttori di petrolio, il prezzo del greggio adesso salirà
L'Azerbaigian dice sì al congelamento della produzione di petrolio
Petrolio, Arabia Saudita fa i propri interessi ignorando OPEC
Putin chiede il proseguimento dei lavori per il congelamento dell’estrazione di petrolio
La Russia e i paesi OPEC congelano il livello di estrazione del petrolio
Tags:
Borsa&Mercati, Politica Internazionale, Energia, Crollo prezzo del petrolio, Petrolio, OPEC, Bijan Zanganeh, Alexander Novak, Iran, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook