13:09 14 Agosto 2020
Economia
URL abbreviato
240
Seguici su

Gli investimenti delle società pubbliche e delle aziende private cinesi nella UE hanno raggiunto i 23 miliardi di dollari nel 2015, riporta il "Financial Times" riferendosi ad un rapporto redatto dalla “Baker & McKenzie” e dal “Rhodium Group”.

L'Italia occupa il primo posto in termini di investimenti cinesi, soprattutto grazie all'affare tra la "Pirelli" e la "ChemChina" per 7,9 miliardi di dollari.

Al secondo posto c'è la Francia con investimenti cinesi pari a 3,6 miliardi di dollari, concentrati particolarmente nel settore del turismo e nelle infrastrutture.

Il giornale fa tuttavia notare che il ritmo della crescita degli investimenti è al contrario rallentato: rispetto al 2014 la crescita degli investimenti ha segnato +28% nel 2015, mentre nel 2014 rispetto all'anno passato gli investimenti erano raddoppiati. Gli investimenti negli Stati Uniti sono aumentati del 17% a partire dal 2014.

"E' un periodo difficile dal punto di vista economico, ma, allo stesso tempo le aziende cinesi continuano a lavorare con fiducia e continuano ad avanzare in Europa e Nord America", — ha detto Michael DeFranco, presidente della "Baker & McKenzie".

La Cina potrebbe battere il record d'investimenti anche nel 2016. Nelle prime 6 settimane dell'anno, le compagnie cinesi hanno annunciato potenziali affari per un valore di 70 miliardi di dollari.  

Correlati:

Economia, Cina sicura: non frenerà la crescita
Potere dei soldi: dopo l'industria, anche i campioni e il calcio verso la Cina
In Cina sale la febbre d'acquisto per i marchi internazionali
Cina sicura, la guerra speculativa di Soros vs lo yuan fallirà
Tags:
Finanze, Economia, investimenti, Pirelli, Unione Europea, UE, Italia, Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook