18:29 05 Dicembre 2019
Made in Italy giornali

Fusione La Repubblica – La Stampa, i dubbi della borsa sulla scommessa editoriale

© Fotolia / lorenzot81
Economia
URL abbreviato
0 01
Seguici su

L'intesa tra il gruppo Itedi (società che controlla La Stampa e il Secolo XIX) e L'Espresso è stata salutata da Piazza Affari prima con moderato entusiasmo, per poi subire una battuta d'arresto e scivolare nel territorio negativo. Male anche Rcs considerata azzoppata dalla fusione dei due gruppi e dalla conseguente uscita di Fca dal gruppo.

L'intesa, a quanto spiegato dai vertici delle due aziende, sarà a regime tra circa un anno ovvero nel primo trimestre del 2017. Secondo quanto spiegato nelle scorse ore la fusione avverrà attraverso operazione di concambi (strumento finanziario con cui si determina la quantità di azioni o quote che la società incorporante o quella risultante dalla fusione, deve riconoscere all'incorporata o alle partecipanti alla fusione in cambio delle vecchie azioni) che dovranno essere autorizzati dalle assemblee dei soci dei due gruppi.

In base ai margini già definiti nell'intesa Cir (l'Espresso) avrà una quota vicina al 43 per cento, mentre Fca (l'ex Fiat), deterrà circa il 16 per cento circa dell'aggregato con la famiglia Perrone che riceverà una quota del 5 per cento (Fca detiene al momento il 77 per cento di Itedi). Alla finanziaria della famiglia Agnelli verrà dato il 5 per cento mentre verrà definito, nelle prossime settimane, un accordo ad hoc con la holding della famiglia De Benedetti. La Fca infine ha annunciato che attraverso questa operazione uscirà dal comparto dell'editoria, distribuendo ai propri soci tutte le partecipazioni in Rcs.

Secondo le previsioni dei due gruppi, la fusione tra Itedi e l'Espresso porterà alla creazione di un mega polo dell'informazione con un bacino di utenti pari a circa sei milioni di lettori su carta e più di due milioni nella rete, mentre per quanto riguarda i ricavi L'Espresso e Itedi hanno terminato il 2015 facendo segnare (complessivamente) 750 milioni di ricavi.

Al momento dell'annuncio della fusione il titolo dell'Espresso aveva fatto registrare un più 15,89 per cento, mentre la Fca un segno positivo del 2,4 per cento.

Tags:
fusione, La Stampa, La Repubblica
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik