02:53 17 Giugno 2019
La sede dellas BCE a Francoforte

Draghi: Sistema bancario solido, avanti con QE

© REUTERS / Wolfgang Rattay
Economia
URL abbreviato
204

Il governatore Bce in audizione al Parlamento europeo difende le nuove norme sui salvataggi: capitale banche adeguato, al riparo da rischi del 2012.

Dollari e un euro
© AFP 2019 / PHILIPPE HUGUEN
A marzo la Banca Centrale Europea valuterà un aumento della dotazione mensile del Quantitatiave Easing, ossia il programma di acquisti da parte della BCE di titoli di Stato per spingere in su l'inflazione. A confermarlo è stato ieri Mario Draghi nel corso di un'attesa audizione presso il Parlamento europeo. Il governatore della BCE ha giudicato l'attuale volatilità dei mercati esprimendosi anche sulle regole, appena entrate in vigore, della cosiddetta direttiva Brrd, che a suo avviso mettono al riparo i contribuenti più di quanto previsto con la legislazione precedente. Il crollo del petrolio ed il rallentamento delle economie emergenti sta facendo modificare in chiave di minore crescita tutti gli outlook per il 2016 e Draghi ha annunciato per il prossimo 10 marzo, data in cui si svolgerà il prossimo Direttivo della BCE, il varo di nuove misure a sostegno delle politiche per spingere l'inflazione verso l'obiettivo fissato da Francoforte.

In un intervento ancora una volta di stampo dichiaratamente "europeista", Draghi ha invocato infine un'accelerazione nel percorso di integrazione delle economie dei singoli Stati nella direzione dell'unione bancaria piena. 

Correlati:

Draghi: C'è una cospirazione di forze dell'economia
Draghi a Bruxelles: Amplieremo il QE
Draghi, necessario un alleggerimento del debito greco
Tags:
Quantitative Easing, BCE, Mario Draghi
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik