10:01 17 Agosto 2017
Roma+ 24°C
Mosca+ 19°C
    Christine Lagarde, direttore FMI (foto d'archivio)

    Niente riforme, niente soldi: il FMI minaccia l'Ucraina

    © REUTERS/ Yuri Gripas
    Economia
    URL abbreviato
    161662323

    L'Ucraina sta mostrando progressi molto lenti nel migliorare le sue capacità amministrative e nella lotta alla corruzione, ha dichiarato il direttore generale del FMI Christine Lagarde.

    Il FMI non potrà continuare il programma di prestiti a beneficio di Kiev in assenza di sforzi significativi per le riforme e la lotta alla corruzione, ha affermato il direttore generale del FMI Christine Lagarde.

    "Sono preoccupata per la lentezza dei progressi che dimostra l'Ucraina nel migliorare le sue capacità amministrative, nella lotta contro la corruzione e nella riduzione dei conflitti d'interesse in politica. Se non ci saranno nuovi sforzi che diano impulso alle riforme in materia di governance e lotta contro la corruzione, è difficile immaginare che il programma di assistenza finanziaria del Fondo prosegua e porti successi", — ha affermato Christine Lagarde dagli Stati Uniti. Le sue parole sono state riportare dalla rappresentanza del FMI in Ucraina.

    Ha notato che l'Ucraina rischia di intraprendere passi economici fallimentari.

    "E' di vitale importanza che i passi dei leader ucraini rimettano lo Stato sulla strada delle riforme", — ritiene la Lagarde.

    Correlati:

    “I trucchi del FMI non salveranno l'Ucraina dal disastro”
    Il FMI avverte Kiev: a rischio programma di finanziamento
    Frenata FMI e retromarcia di Kiev: sì a trattative “sincere” con la Russia su debito
    Il default dell'Ucraina sul prestito della Russia costerà caro al FMI
    Impossibile lavorare, ministro Sviluppo Economico Ucraina annuncia dimissioni
    Ucraina nella UE, a Kiev fanno gola i soldi dei contribuenti europei
    Olanda pronta ad accettare bocciatura dell'accordo di associazione tra UE e Ucraina
    Tags:
    corruzione, Finanze, Economia, Debito dell'Ucraina, riforme, Fondo Monetario Internazionale, governo, FMI, Christine Lagarde
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik