Widgets Magazine
20:29 15 Ottobre 2019
Casa Bianca (foto d'archivio)

Allarme da ex capo economista del FMI: se USA non riducono debito, sarà una catastrofe

© AP Photo / Jacquelyn Martin
Economia
URL abbreviato
12372
Seguici su

Dato il previsto aumento del debito pubblico, l'amministrazione americana non deve ignorare i vincoli di bilancio per attrarre i capitali stranieri, ritiene l'ex capo economista del Fondo Monetario Internazionale (FMI) Olivier Blanchard.

Olivier Blanchard, ex capo economista del Fondo Monetario Internazionale ed ora docente presso il "Peterson Institute", ha esortato Washington ad intraprendere misure per ridurre il livello del debito, o almeno per evitare la sua crescita. In caso contrario, a suo parere, le conseguenze per l'economia americana potrebbero essere disastrose.

"Gli Stati Uniti si trovano in una posizione privilegiata rispetto a molti altri Paesi. Tuttavia, tenendo conto dell'aumento graduale del debito come previsto dalle autorità, non possiamo ignorare i vincoli di bilancio per attrarre capitali stranieri", — ha dichiarato intervenendo all'Istituto "Brookings".

Secondo la Federal Reserve Bank di St. Louis, nel luglio 2015 il rapporto debito/PIL degli Stati Uniti aveva raggiunto il 100,5%. All'inizio di quest'anno il debito pubblico degli Stati Uniti ammontava a circa 18.900 miliardi di dollari. Il Congresso aveva consentito l'innalzamento del tetto del debito per il 2016 fino a 19.300 miliardi di dollari. Secondo la commissione Bilancio del Congresso, entro il 2040 il debito degli Stati Uniti potrebbe salire fino al 120% rispetto al PIL.

"Se non si farà nulla, sarà un problema… L'obiettivo deve essere quello di ridurre il rapporto tra debito e PIL, almeno occorrerebbe evitare l'aumento del debito come è stato previsto. Tuttavia non c'è alcuna urgenza, in questa fase il rischio è piccolo e si può intervenire lentamente," — ha rilevato l'esperto.

Inoltre ha aggiunto che la situazione di alcuni Paesi europei ha dimostrato che la mancata risposta potrebbe portare risultati "catastrofici".

Un ruolo importante per ridurre il peso del debito dovrebbe essere svolto dal lavoro ben ponderato della "Federal Reserve" (Fed) con una politica monetaria restrittiva (aumento tassi d'interesse), conclude l'esperto.

Correlati:

USA di nuovo sull'orlo del default? Secondo il Financial Times “investitori nervosi”
Rublo d’oro: per gli USA è il caso di aver paura
Debito e inflazione minacciano USA e UE, vincente la scommessa della Russia sull'oro
“Con il proprio oro Russia e Cina distruggeranno il dollaro”
Cina verso il controllo sul mercato dell’oro
Tags:
Finanze, Economia, Debito, dollaro, Congresso USA, Federal Reserve, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik