15:48 23 Agosto 2017
Roma+ 27°C
Mosca+ 24°C
    Sede FMI

    Per la prima volta Russia nella “top ten” del FMI

    © AP Photo/ Jose Luis Magana
    Economia
    URL abbreviato
    11309140

    Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha aumentato le quote dei Paesi in via di sviluppo nell'ambito della riforma iniziata 5 anni fa sulla riconfigurazione delle partecipazioni, si legge in un comunicato del FMI, segnala “Rambler News”.

    Per la prima volta nella storia del fondo la Russia, il Brasile, l'India e la Cina entreranno nella top ten dei principali membri. La quota dei BRICS salirà al 14,7% dal 14,18%. Le modifiche entreranno in vigore nel giro di poche settimane.

    Le quote del FMI determinano i diritti di voto dei Paesi membri. La più grande quota appartiene agli Stati Uniti col 16,7%, superiore alla soglia del 15% che consente di bloccare le decisioni. Dopo l'aumento, la quota della Russia raggiungerà il 2,73% (era al 2,71%).

    L'ammontare dei fondi del FMI dopo la riforma salirà a 659 miliardi di dollari.

    Il direttore del FMI Christine Lagarde, che ambisce alla proroga del mandato, ha definito questa riforma storica.

    Correlati:

    “I trucchi del FMI non salveranno l'Ucraina dal disastro”
    FMI: il super-dollaro può causare default Paesi emergenti
    Frenata FMI e retromarcia di Kiev: sì a trattative “sincere” con la Russia su debito
    Il default dell'Ucraina sul prestito della Russia costerà caro al FMI
    Bloomberg: la Russia può bloccare i prestiti del FMI per l'Ucraina
    Tags:
    Finanze, Politica Internazionale, Economia, Fondo Monetario Internazionale, BRICS, FMI, Christine Lagarde
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik