01:06 11 Dicembre 2017
Roma+ 15°C
Mosca+ 1°C
    Borsa

    Il crollo della Borsa cinese travolge l'Europa

    © Sputnik. Roman Galkin
    Economia
    URL abbreviato
    212

    Il listino di Shangai reagisce male al taglio dello yuan e gli scambi vengono sospesi dopo mezz'ora dall'apertura delle contrattazioni per la seconda vota in una settimana: -7%. Borse europee a picco, Milano -3%.

    Seconda chiusura anticipata per le borse cinesi, alle prese con pericolose turbolenze da inizio anno. Dopo la decisione di ieri di tagliare ancora lo yuan, arrivato in queste ore ai suoi livelli più bassi da 5 anni a questa parte, le contrattazioni sono state chiuse in anticipo dopo una prima sospensione, arrivata pochi minuti dopo l'apertura per il crollo degli indici principali sotto la soglia del 7%. L'intento da parte del governo di Pechino è quello di stimolare la domanda interna, favorendo le esportazioni grazie ad uno yuan più debole ma, nonostante gli svariati tentativi degli ultimi mesi, i dati sulla minore crescita continuano a gettare panico tra gli investitori.

    La performance negativa ha trascinato verso il basso tutte le piazze asiatiche, generando ricadute negative su tutti i listini europei.

    Alle aperture di questa mattina, tutte le piazze affari europee infatti hanno scontato passivi pesantissimi, anche oltre il 4%, per poi assestarsi poco sopra questa pericolosa soglia. Milano, Londra, Madrid e Parigi galleggiano intorno al —2,5%, con l'indice DAX di Francoforte, maglia nera della giornata, che fa registrare un passivo superiore al 3,5%. 

    Correlati:

    La Bce delude le attese, Borse giù
    Borse in ribasso attendendo i dati sul lavoro Usa
    Borse cinesi ancora in ribasso
    Tags:
    Crollo delle borse, Borsa, Europa, Cina
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik