07:47 21 Ottobre 2018
Il presidente della BCE Mario Draghi

Draghi a Bruxelles: Amplieremo il QE

© flickr.com / European Parliament
Economia
URL abbreviato
604

Il governatore della BCE nel primo degli interventi dei banchieri centrali al Parlamento europeo: Ripresa moderata, la normalizzazione dell'inflazione si è indebolita.

La ripresa dell'eurozona prosegue moderatamente ma, per contrastare i fattori che stanno rallentando il ritorno dell'inflazione vicina al 2%, a dicembre la Banca Centrale Europea è pronta a rivedere la sua linea di politica monetaria. A dichiararlo è stato questa mattina Mario Draghi, intervenuto per prima tra i banchieri centrali in audizione al Parlamento europeo a Bruxelles.

"Abbiamo le prove che il QE è stato efficace, e tutte le analisi ci dicono che saremo in grado di raggiungere l'obiettivo della stabilità dei prezzi solo se il programma sarà pienamente attuato ma se i rischi al ribasso si materializzano e diventano più seri, deve essere rivisitato per affrontarli".  

Descrivendo l'attuale indebolimento delle dinamiche dell'inflazione ed il rallentamento nella stabilizzazione dei prezzi, il governatore ha quindi confermato che Francoforte è propensa ad aumentare la dotazione del Quantitative Easing già dal mese prossimo, in uno scenario macroeconomico caratterizzato da grandi incertezze, ma anche da alcuni dati confortanti su cui ripartire.

"I segnali ci indicano che la ripresa migliora, continua — ha detto Draghi all'emiciclo di Bruxelles — è lenta ma forte e più diffusa che in passato, e avviene anche nei Paesi sotto stress e non 'core', guidata da consumi e investimenti". 

Correlati:

Fed e Bce corrono in direzioni opposte
La BCE non alza i tassi e rinvia le misure di stimolo
Tags:
finanze, Quantitative Easing, BCE, Mario Draghi, Bruxelles
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik