03:17 22 Settembre 2018
A view shows the Standard & Poor's building in New York's financial district

S&P avverte: In caso di Brexit Londra perderà rating AAA

© REUTERS / Brendan McDermid/Files
Economia
URL abbreviato
444

L'agenzia di rating americana avverte: in caso di vittoria del sì al referendum sull'abbandono dell'Unione Europea da parte del Regno Unito ci sarà il declassamento.

Il rating sul credito sovrano del Regno Unito potrebbe essere declassato se il referendum del 2017 sulla cosiddetta Brexit sancirà la sua l'uscita dall'Unione Europea. A riferirlo all'agenzia di stampa Reuters è stato in queste ore Moitz Kraemer, capo dell'ufficio che si occupa proprio del rating dei crediti degli Stati.

"Se dovessimo considerare l'abbandono dell'UE in un medio termine, potremmo abbassare il rating di più di un livello, a seconda delle circostanze e dei rapporti che si andrebbero a creare tra Londra e Bruxelles".

Così Kraemer, che ha lasciato intendere come il rischio per il Regno Unito sia non solo di perdere il rating tripla A (il livello di affidabilità massima concesso dalle agenzie e che S&P ha dato ininterrottamente al Regno Unito dal 1978) ma anche di scendere al livello AA. L'ipotesi, come specificato dal dirigente di S&P, diventerebbe concreta se alla vittoria del sì al referendum sull'uscita dall'Unione si andasse a sommare una secessione scozzese.

Anche Moody's e Fitch, tra le principali agenzie di rating che nel 2013 avevano già declassato a doppia A il rating britannico, hanno confermato nei recenti outlook che in caso di uscita dall'UE per il Regno Unito lo spettro di un ulteriore declassamento sarebbe a quel punto dietro l'angolo. 

Correlati:

Brexit potrebbe costare a Londra il 2,2% del suo PIL
Rating stabile della Russia è la prova dell'efficacia della politica economica nazionale
Russia: S&P conferma rating, outlook resta negativo
S&P: Italia fuori da recessione, ma ripresa sarà lenta
Tags:
rating, Brexit, Standard & Poor's, S&P, Moitz Kraemer, UE, Gran Bretagna
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik