07:23 17 Dicembre 2017
Roma+ 4°C
Mosca+ 8°C
    Bolivia. File photo

    Bolivia, Ypfb pianifica investimenti su industrializzazione gas naturale per 6.700 milioni

    © Sputnik. Oleg Vyazmitinov
    Economia
    URL abbreviato
    0 31

    I fondi verranno impiegati dal 2016 al 2025 e serviranno per la costruzione e l’aggiornamento di stabilimenti di separazione liquidi e processing.

    La compagnia nazionale energetica boliviana, Yacimientos Petrolíferos Fiscales Bolivianos (Ypfb) ha programmato di investire sei miliardi e 700 milioni di dollari nella industrializzazione del gas naturale in un periodo che va dal 2016 al 2025. Lo ha annunciato il presidente esecutivo dell'azienda, Guillermo Achá Morales, durante la conferenza "Investire nella Nuova Bolivia", organizzata dal Financial Times Live a New York.

    Secondo l'alto funzionario, gli investimenti saranno destinati a progetti come la costruzione di impianti per il processing del propilene e del polipropilene. Inoltre, serviranno per ultimare i lavori dell'edificazione di uno stabilimento per la produzione di urea, al fine di incrementare le sue strutture con l'obiettivo di esportare Gpl (Gas di petrolio liquefatto) e Gas naturale liquefatto (Gnl).

    Dal 2006 a oggi il paese latino americano ha già investito quasi due miliardi di dollari per l'industrializzazione del settore, con l'obiettivo di fornire prodotti derivati dalla petrolchimica al mercato interno ed esportare le eccedenze presso gli stabilimenti per la separazione dei liquidi di Río Grande e Gran Chaco, nonché quelli per il Gnl, l'ammoniaca e l'urea.

    L'impiego delle nuove risorse serve a massimizzare l'efficienza degli impianti in un momento molto particolare per il paese, in cui quest'anno sono stati scoperti nuovi giacimenti.    

    Correlati:

    Giacimento di Zohr, grande potenziale per l'industria italiana
    Il piu grande giacimento di gas nel Mediterraneo cambia lo scenario energetico globale?
    Tags:
    Investimenti, gas, Guillermo Achá Morales, Bolivia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik