06:23 25 Novembre 2017
Roma+ 11°C
Mosca-5°C
    Bandiera della Cina

    Il nuovo Paperon de'Paperoni è cinese

    © AP Photo/ Ng Han Guan
    Economia
    URL abbreviato
    0 48852

    La ricchezza si sposta sempre più verso l'Asia, spodestando dai troni dell'economia mondiale gli Usa.

    A sorpresa, dopo la crisi dei mercati asiatici, per la prima volta nel 2015 il numero dei miliardari in Cina ha superato quello degli Stati Uniti. Secondo la rivista cinese Hurun Report, gestita da un gruppo di economisti cinesi e stranieri, nel Paese del Dragone ci sono 242 nuovi miliardari che portano a 596 il totale dei "Paperoni", mentre negli Usa ce ne sono solo 537. Se però si prende in considerazione la "grande Cina", che include Taiwan (di fatto indipendente), Hong Kong e Macao (Speciali Regioni Amministrative) il totale dei miliardari cinesi sale a 715.

    Nessuna sorpresa in testa alla classifica, dove Wang Jianlin del Wanda Group, che investe in hotel, centri commerciali e spettacolo, supera Jack Ma, il fondatore di Alibaba, il sito di commercio online più famoso della Cina che è quotato alla Borsa di Wall Street.

    Secondo la valutazione di Hurun, Wang ha un patrimonio di 34,4 miliardi di dollari, Jack Ma di 22,7 miliardi. Il Paperon de' Paperoni in occidente è noto ai più per il suo costoso shopping: tra gli acquisti anche una quota nel club di calcio spagnolo Atletico Madrid.

    Il numero uno del Wanda Group supera anche Li Ka-shing, il tycoon di Hong Kong, che si occupa di edilizia e telecomunicazioni, con un patrimonio di 32,7 miliardi di dollari.

    Tra i volti nuovi, spicca Cheng Wei, fondatore della Didi-Kuaidi, che ha sviluppato un'applicazione per chiamare i taxi attraverso i telefoni e che si contende il mercato cinese con l'americana Uber. 

    Correlati:

    Impennata del petrolio in borsa: +7%. In rialzo borse in Asia e Wall Street
    Con fallimento “Partenariato Trans-Pacifico” in Asia crolla la strategia di sicurezza USA
    Spingendo Russia in Asia l'Europa commette grave errore e si priva di storia e cultura
    Tags:
    Economia, Cina
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik