03:38 17 Novembre 2018
Disoccupazione

Italia, disoccupazione in calo

© flickr.com /
Economia
URL abbreviato
703

Dopo oltre due anni il tasso di disoccupazione scende sotto la soglia del 12%. Per il premier Renzi è l'effetto del Job Act.

Per la prima volta dal febbraio 2013 in Italia la disoccupazione scende sotto il 12%, attestandosi al 11,9%, in calo per il secondo mese consecutivo. E' presto per dire se sul mercato del lavoro italiano si stia segnando un'inversione di tendenza, ma la flessione dello 0,7% rispetto all'agosto del 2014 ha fatto dire al premier italiano che gli effetti del Job Act voluto dal suo esecutivo stanno cominciando a farsi vedere.

Sul fronte dei nuovi occupati, l'ISTAT ha reso noto oggi che c'è stato un avanzamento dello 0,3% rispetto al mese precedente, pari a 69mila nuovi occupati, portando così l'aumento dei posti di lavoro trovati su base annua dell'1,5%, pari a 325mila occupati in più.

Con un post apparso questa mattina sul suo profilo Facebook, Matteo Renzi ha salutato i dati comunicati oggi dall'Istituto di Statistica italiano, esprimendo soddisfazione per i numeri giudicati molto positivi.

Numeri che in verità continuano a descrivere un Paese che, sul piano occupazionale, non riesce comunque a superare le sue malattie croniche. Come quella della disoccupazione giovanile, in ulteriore crescita rispetto alle ultime rilevazioni, arrivata ad agosto di quest'anno al 40,7%, in aumento dello 0,3% rispetto al mese precedente.

Resta infine stabile all'11% il tasso di disoccupazione dell'area euro, secondo i dati contemporaneamente diffusi da Eurostat, ed anche nell'Ue allargata a 28 Paesi il tasso rimane invariato rispetto a 30 giorni fa, al 9,5%. 

Correlati:

Italia, disoccupazione giovanile ai massimi livelli dal 1977
Disoccupazione italiana raddoppiata dal 2007
“Debito, disoccupazione ed estremismo: austerity simbolo fallimento delle politiche UE”
Tags:
statistica, disoccupazione, ISTAT, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik