14:49 21 Novembre 2017
Roma+ 15°C
Mosca+ 0°C
    Volkswagen

    Scandalo Volkswagen, Bankitalia: Ripercussioni su Italia

    © REUTERS/ Mal Langsdon
    Economia
    URL abbreviato
    0 26520

    Il vicedirettore generale della Banca d'Italia in audizione parlamentare: Scandalo grave, difficile quantificare gli effetti.

    Volkswagen
    © Sputnik. Mikhail Fomichev
    L'Italia non è al riparo dagli effetti derivanti dallo scandalo dei test truccati in cui è finita da giorni la Volkswagen. Il comparto auto, traino dell'economia italiana in ripresa infatti, ha fatto segnare le prime battute d'arresto ed il rischio è quello dell'effetto traino negativo sulle vendite.

    La preoccupazione è condivisa anche da Bankitalia che, attraverso le parole del suo vicedirettore generale, ha espresso timori per l'impatto del Dieselgate sui conti italiani.

    Davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Senato, Luigi Federico Signorini ha parlato di scandalo grave, che si aggiunge al difficile momento vissuto dai mercati, dopo la crisi cinese e le decisioni della FED americana di non aumentare i tassi.

    "All'incertezza presente sui mercati globali si è aggiunta negli ultimi giorni quella connessa con le possibili ripercussioni, difficili da quantificare, del grave scandalo Volkswagen sul settore dell'auto e sulle aspettative degli investitori e dei consumatori".

    Grande incertezza intanto si registra in questi giorni nella rete di vendita della casa automobilistica di Wolfsburg in Italia. I concessionari italiani sostengono di non avere ricevuto direttive chiare su come comportarsi.

    "Siamo soli e senza indicazioni — è stato lo sfogo di un direttore vendite italiano all'agenzia Adnkronos — siamo esposti alle lamentele della clientela, improvvisamente senza rete".

    Correlati:

    Volkswagen, l'ammissione di Berlino: anche in Europa test truccati
    Volkswagen avvertì clienti USA: Emissioni a rischio
    Caso Volkswagen, Berlino sapeva?
    Tags:
    Volkswagen, Banca d`Italia, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik