Widgets Magazine
18:15 21 Ottobre 2019
Grano

Rublo debole aiuta Russia a togliere leadership USA nel mercato mondiale del grano

© Sputnik . Valery Morev
Economia
URL abbreviato
3261
Seguici su

La buona qualità del grano in aggiunta a prezzi competitivi sono diventati un motivo sufficiente per diversi Paesi a preferire la Russia agli Stati Uniti come fornitore di grano, scrive l'agenzia “Bloomberg”.

I fornitori russi, sfruttando la situazione del mercato dei cambi e la riduzione dei prezzi per il trasporto, potrebbero mentere a repentaglio la posizione di leadership dei suoi concorrenti, scrive l'agenzia "Bloomberg".

"Mentre il dominio degli Stati Uniti nel mercato globale registra una flessione negli ultimi due decenni, le forniture provenienti dalla regione del Mar Nero sono in aumento, i tradizionali clienti degli Stati Uniti man mano acquistano sempre più grano dalla Russia", — si legge nell'articolo.

Come fanno notare gli autori, la svalutazione del rublo ha permesso alla Russia di rendere le esportazioni più competitive.

"E' chiaro che prima di tutto è una questione di prezzo. La regione del Mar Nero offre grano di qualità ad un buon prezzo, mentre i prezzi degli Stati Uniti sono davvero troppo alti in modo da poterli giustificare," — afferma convinta Amy Reynolds, economista senior presso il Consiglio Internazionale sul grano.

Il commercio di grano è diviso in zone: il Mar Nero e le regioni europee hanno i mercati di sbocco verso il Medio Oriente e il Nord Africa, mentre gli Stati Uniti e il Canada dominano il mercato in America Latina e l'Australia fornisce il grano nella maggior parte dell'Asia.

"Al momento la competitività va in favore della Russia. Non credo che oggi ci sia motivo di ritenere gli Stati Uniti la principale fonte di approvvigionamento sul mercato mondiale," — "Bloomberg" riporta le parole di Stefan Vogel, responsabile degli studi sul mercato dei prodotti agricoli della banca d'affari "Rabobank".

Tags:
Commercio, Esportazione, Economia, Agricoltura, Rublo, Grano, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik