23:21 14 Novembre 2019
FMI

Il Fondo monetario internazionale frena la Fed

© AP Photo / Jose Luis Magana
Economia
URL abbreviato
0 20
Seguici su

In un documento redatto in vista della riunione dei ministri delle Finanze e dei banchieri centrali del G20 che si svolgerà ad Ankara, l'Fmi frena la Fed sul rialzo dei tassi.

In vista del rapporto sull'occupazione di agosto che il governo americano diffonderà domani e che potrebbe convincere la Federal Reserve ad alzare i tassi di interesse per la prima volta dal 2006, il Fondo monetario internazionale invita l'istituto centrale a fare in modo che le sue decisioni di politica monetaria "restino legate ai dati" macroeconomici. E visto che "fino ad ora [ci sono stati] scarsi segnali di pressioni sui prezzi e sui salari", il Fondo consiglia di non prendere decisioni affrettate sui tassi nella sua riunione in calendario il 16 e 17 settembre prossimi.

Il direttore generale, Christine Lagarde, nel giugno scorso si era già pronunciata asserendo che la banca centrale, guidata da Janet Yellen, dovrebbe aspettare a effettuare una stretta fino all'anno prossimo.

Il suggerimento dell'Fmi è ora arrivato in un documento redatto in vista della riunione dei ministri delle Finanze e dei banchieri centrali del G20 che si svolgerà ad Ankara, in Turchia, domani e sabato.

L'Fmi spiega che la spinta che si aspettava dal calo del greggio non si è materializzata e che, con l'inflazione ancora bassa in tutte le economie avanzate, "la politica monetaria deve restare accomodante per prevenire che i tassi di interesse reali salgano in modo prematuro".

Anche perchè, secondo il Fondo, "dopo sei anni di debolezza sul lato della domanda, la probabilità di danni al Pil potenziale è una preoccupazione crescente". 

Correlati:

Oligarca Kolomoisky fuggito negli USA con tranche del FMI stanziata per l'Ucraina
Per Bloomberg l'Ucraina ha l'ok del FMI per nuova tranche di finanziamenti
Russia, Fmi: Accelerare riforme strutturali per spingere la crescita
Tags:
tasse, Riunione, G20, Federal Reserve, FMI
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik