23:29 21 Settembre 2017
Roma+ 12°C
Mosca+ 11°C
    Il ministro per le Infrastrutture Delrio e il ministro dell`Economia Pier Carlo Padoan

    Sud Italia, Delrio: 15 miliardi di investimenti per il 3% di crescita

    © AFP 2017/ Andreas Solaro
    Economia
    URL abbreviato
    0 12410

    Il ministro delle Infrastrutture italiano Graziano del Rio annuncia il piano di investimenti per il Mezzogiorno, dopo l'avvio del dibattito sulle condizioni di arretratezza industriale delle regioni del sud Italia.

    Nei prossimi 20 mesi si assisterà nelle regioni del Sud Italia all'apertura di una serie di cantieri per grandi opere e infrastrutture con investimenti che attiveranno 15 miliardi di risorse. Ad annunciarlo è stato ieri Graziano Delrio, ministro per le Infrastrutture ed i Trasporti, intervistato dal quotidiano italiano La Repubblica.

    "Rafforzeremo i collegamenti tra porti, strade e ferrovie. Faremo molta cura del ferro, specie nelle tratte di Calabria, Sicilia e Sardegna. E poi la cura dell'acqua, sbloccando i 5 miliardi di investimenti fermi nei porti"

    Questo un passaggio dell'intervista, in cui il ministro si dice convinto che "se il Sud sarà capace di far fruttare i fondi europei crescerà del 2,5-3%". Il ministro ha poi risposto sul tema che ha infiammato il dibattito politico dopo la diffusione dei dati dello Svimez sull'arretratezza industriale delle regioni del sud, problema endemico dell'economia italiana, definito già a fine '800 "la questione meridionale".

    "Esiste eccome — è l'opinione di Delrio — Dall'Unità d'Italia abbiamo assistito a una graduale involuzione, a un progressivo allontanamento del Sud dal resto del Paese. Lo dimostrano i trend economici. Ecco perché il problema non si risolve con parole e analisi, ma con le scelte".

    Correlati:

    Sud, Guidi: “Un piano Marshall per il Mezzogiorno”
    Ripresa economia, Mattarella: Moltiplicare gli sforzi
    Tags:
    Investimenti, intervista, Il Ministero per le Infrastrutture e Trasporti, Graziano Delrio, Italia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik