06:22 23 Ottobre 2017
Roma+ 14°C
Mosca0°C
    Miniera di carbone nel Donbass

    Deficit energetico e rischio gelo in Ucraina, Kiev tratta forniture carbone con Donbass

    © Sputnik. Alexey Kudenko
    Economia
    URL abbreviato
    31948212

    Il presidente del consiglio dei ministri della Repubblica Popolare di Lugansk Gennady Tsypkalov ha riferito che Kiev sta conducendo con le autorità della Repubblica autonomista trattative per acquistare carbone a seguito della crisi nel settore energetico dell'Ucraina.

    L'Ucraina è in trattative con la secessionista Repubblica Popolare di Lugansk per vagliare la possibilità di acquistare carbone, ha affermato il presidente del consiglio dei ministri della LNR Gennady Tsypkalov.

    In precedenza il primo ministro ucraino Arseniy Yatsenyuk aveva dichiarato che per la crisi del settore energetico del Paese il governo, il ministero dell'Energia e le compagnie statali sono incapaci di assicurare alla popolazione il riscaldamento per la prossima stagione invernale.

    Secondo il Ministro dell'Energia e dell'Industria del Carbone dell'Ucraina Vladimir Demchishin, per la stagione del riscaldamento il Paese deve acquistare carbone anche in "zone problematiche".

    "Il fatto è che loro (l'Ucraina) stanno negoziando l'acquisto di carbone. Questo fatto è reale. Tuttavia l'Ucraina non è pronta a riconoscerci come partner commerciale. Siamo pronti a condurre negoziati su questo argomento," — ha detto Tsypkalov.

    Secondo lui, Kiev deve ufficialmente capire che la LNR è uno Stato diverso e un Paesi partner.

    "Siamo pronti a collaborare, disposti a vendere e fornire subito il carbone a chi ne ha bisogno, affinchè il nostro Paese possa beneficiarne", — ha sottolineato Tsypkalov.

    In precedenza il rappresentante plenipotenziario di Lugansk nei colloqui di Minsk Vladislav Deynego aveva osservato che l'Ucraina durante la stagione fredda può congelare rinunciando al carbone del Donbass.

    Tags:
    Politica, Energia, Carbone, Ministero dell'Energia, Gennady Tsypkalov, Vladislav Deynego, Arseniy Yatsenyuk, Vladimir Demchishin, Donbass, Repubblica Popolare di Lugansk
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik