23:59 20 Novembre 2017
Roma+ 8°C
Mosca+ 1°C
    Euro

    Le imprese norvegesi sfidano le sanzioni UE: più business in Russia

    © Fotolia/ Eyetronic
    Economia
    URL abbreviato
    0 56052

    Secondo il giornale norvegese Aftenposten, i dirigenti delle aziende norvegesi e gli imprenditori che operano in Russia sono sempre più propensi a fare business nella Federazione Russa e stanno valutando nuove opportunità di investimento nonostante le sanzioni.

    L'Aftenposten fa riferimento ad un rapporto finito a disposizione del giornale del Console Generale della Norvegia a San Pietroburgo Heidi Olufsen, relativo ad un incontro degli imprenditori norvegesi con i collaboratori della rappresentanza diplomatica.

    "Nonostante la crisi economica, si può parlare di potenziale di investimento in molti settori in Russia, in particolare, nell'agricoltura e nella produzione di legname," — il giornale riporta le parole della Olufsen, che ha inoltre osservato che i rappresentanti del mondo dell'impresa nazionale sono orientati con rapporti sempre più positivi con la Russia rispetto a 6 mesi fa.

    In particolare il giornale cita le parole di Bernard Stormyr, rappresentante della società produttrice fertilizzanti "Yara",

    che ritiene che "nell'economia russa ci siano prospettive e in futuro le cose andranno meglio."

    I prodotti di questa impresa non sono finiti nel mirino delle sanzioni. E' in cerca di vie di cooperazione anche la compagnia "Statoil".

    "Abbiamo sviluppato il dialogo e le procedure necessarie con le autorità in modo da non violare il regime di sanzioni," — il giornale riporta le parole del rappresentante della società Yannick Lindbeck.

    Allo stesso tempo i partecipanti dell'incontro, secondo il rapporto, hanno espresso dubbi sull'efficacia del regime di sanzioni di influenzare la politica della Russia.

    "La Russia non ridarà mai la Crimea," — si afferma nel rapporto.

    Proprio oggi hanno annunciato di unirsi alle sanzioni della UE contro Sebastopoli e la Crimea fino al 23 giugno 2016 il Montenegro, l'Albania, l'Islanda, la Norvegia, il Liechtenstein, la Lituania, l'Ucraina e la Georgia. Tranne la Georgia gli altri Paesi avevano adottato la decisione della UE di estendere le sanzioni economiche contro la Russia fino al 31 gennaio 2016.

    Tags:
    Politica, sanzioni antirusse, Economia, Economia della Russia, investimenti, Norvegia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik