12:29 25 Novembre 2017
Roma+ 17°C
Mosca-5°C
    Bandiere di Grecia e UE

    Accordo su debito Grecia insostenibile, in UE niente democrazia e parità di diritti

    © AP Photo/ Petros Giannakouris
    Economia
    URL abbreviato
    0 16702

    In precedenza i leader dei Paesi dell'eurozona avevano concordato di risolvere la crisi del debito greco, consentendo ad Atene di rimanere nell'euro. Gli analisti ritengono che l'accordo possa essere inefficace.

    Dal punto di vista politico l'accordo della Commissione Europea con la Grecia ancora una volta ha dimostrato che alcuni Stati della UE sono ancora più uguali di altri, secondo gli analisti di "Sberbank CIB": le condizioni dei creditori e le decisioni del governo non consentiranno al Paese di crescere e l'economia della Grecia rischia presto di ritrovarsi nella stessa situazione.

    Lunedì mattina i leader dei Paesi dell'eurozona hanno deciso all'unanimità di risolvere la crisi del debito greco, consentendo ad Atene di rimanere nell'euro. Pertanto dopo il vertice non è cambiato nulla nella composizione dell'unione monetaria. Il programma di aiuti prevede uno stanziamento complessivo nei prossimi 3 anni da 82 a 86 miliardi di euro.

    "Da un punto di vista politico, i recenti eventi hanno ancora una volta dimostrato che, nonostante tutti i membri della UE siano sulla carta uguali, alcuni Stati sono ancora più uguali di altri. Nel lungo termine questo accordo non è sostenibile", — affermano gli analisti della banca.

    La dichiarazione degli analisti fa riferimento distopia della celebre opera "La fattoria degli animali" di George Orwell, che descrive l'evoluzione degli animali, espulsi dalla fattoria dal proprietario, dalla libertà illimitata alla dittatura, diventata poi un'espressione popolare:

    "Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni animali sono più uguali degli altri."

    "L'esito dei negoziati con la Grecia e la decisione di lasciarla nella zona euro potrebbe essere stata al momento la migliore soluzione possibile, ma il problema potrebbe presto verificarsi di nuovo, dal momento che l'economia della Grecia non può crescere nell'ambito delle condizioni di questo accordo, in particolare a seguito di una serie di restrizioni amministrative imposta da Bruxelles e dal governo greco," — si legge nella rassegna.

    Gli analisti affermano che, a seguito della recessione economica, della deflazione e del nuovo accordo sul debito, il rapporto tra debito e PIL in Grecia nel 2015 potrebbe aumentare, in aggiunta vi è il serio rischio che la situazione possa ripetersi l'anno prossimo.

    Tags:
    Politica, Austerity, Finanze, Economia, Debito greco, Unione Europea, Commissione Europea, Grecia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik