15:55 21 Ottobre 2017
Roma+ 22°C
Mosca+ 3°C
    Aereo SSJ100

    Le sanzioni dell'Occidente non hanno colpito la produzione dell'aereo civile russo SSJ100

    © flickr.com/ SuperJet International
    Economia
    URL abbreviato
    135841

    Dmitry Bloschinsky, direttore della filiale di Komsomolsk sull'Amur della compagnia “Sukhoi Civil Aircraft”, ha raccontato che c'è stato bisogno di compilare alcuni documenti con alcuni produttori, ma non c'era alcun divieto sulle forniture dei componenti di questo progetto di aeromobile.

    Le sanzioni dell'Unione Europea, degli Stati Uniti e del Canada presupponevano documenti supplementari, ma non hanno influenzato la produzione dell'aereo di linea civile Sukhoi Superjet 100 (SSJ100), ha detto RIA Novosti il direttore della filiale di Komsomolsk sull'Amur della compagnia "Sukhoi Civil Aircraft" Dmitry Bloschinsky.

    "Le sanzioni non hanno avuto effetti diretti. Bisognava compilare alcuni documenti con alcuni produttori, ma non c'era alcun divieto sulle forniture dei componenti di questo progetto di aeromobile," — ha detto.

    In base ad un rapporto per il 2014 con i principi IFRS, in precedenza la "Sukhoi Civil Aircraft" aveva indicato che le sanzioni imposte dai Paesi occidentali contro la United Aircraft Corporation (UAC) e le eventuali misure restrittive da parte della UE e di altri Paesi avrebbero potuto ledere i risultati e la situazione finanziaria della "Sukhoi Civil Aircraft".

    La holding aviaria "Sukhoi" possiede il 94,1% del capitale della "Sukhoi Civil Aircraft", mentre il restante 5,9% è di proprietà della World Wings S.A. (l'azionista di controllo della società madre "Sukhoi"), incluso nella lista delle sanzioni dell'Unione Europea, degli Stati Uniti e del Canada il 12 settembre 2014, mentre il 12 novembre anche la Svizzera ha introdotto misure afflittive. Secondo alle sanzioni, la comunità imprenditoriale europea non può direttamente o indirettamente acquistare, vendere o fornire prestiti con scadenza superiore ai 30 giorni.

    In precedenza la "Sukhoi Civil Aircraft" aveva annunciato che le sanzioni non stanno avendo un impatto significativo sulle operazioni della società.

    Da marzo 2014 i Paesi occidentali hanno più volte imposto sanzioni per la posizione della Russia in Ucraina. Lo scorso marzo è stato ampliato l'elenco delle sanzioni degli Stati Uniti, mentre a giugno il Canada ha inasprito le sanzioni. I ministri degli Esteri dell'Unione Europea hanno deciso di prolungare le sanzioni economiche fino al 31 gennaio 2016 nel vertice del 22 giugno scorso in Lussemburgo.

    Tags:
    Trasporto, Scienza e Tecnica, Tecnologia, sanzioni antirusse, Economia, Aereo, SSJ100, Sukhoi, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik