14:08 21 Ottobre 2017
Roma+ 20°C
Mosca+ 3°C
    Banconote euro

    Referendum Grecia, le Borse aprono in rosso

    © Sputnik. Vladimir Trefilov
    Economia
    URL abbreviato
    113922

    Attesa per le decisioni della BCE sulla crisi di liquidità greca. Domani riaprono le banche e la Borsa di Atene con l'incognita. In corso vertice di governo ad Atene per il successore di Varoufakis: in pole c'è Euclid Tsakalotos.

    Aperture pesanti per le borse europee nel day after del referendum greco. I principali listini europei non invertono la tendenza intravista già alla chiusura delle contrattazioni sui mercati asiatici, con Tokyo che ha chiuso con il 2% di perdite.

    In Europa è Milano a far registrare al momento il passivo più pesante, con perdite attorno al 2,5% a fonte di arretramenti più contenuti nelle altre principali piazze, con Berlino, Parigi e Londra con seno meno ma sotto il 2%.

    Yanis Varoufakis, ministro delle finanze greco .
    © AFP 2017/ Louisa Gouliamaki

    L'attesa adesso è per le decisioni della Banca Centrale Europea, chiamata a valutare se "riaprire" i rubinetti del fondo di emergenza. Nel caso in cui Francoforte non riattivasse l'ELA il futuro già a brevissimo termine per la Grecia sarebbe segnato, con l'uscita dalla zona euro che da incubo diventerebbe realtà. Se invece dovesse accettare la richiesta delle banche greche potrebbe dare un segnale forte per un nuovo accordo a breve. Probabile invece, secondo molti analisti, che oggi la BCE prenda tempo, confermando il tetto ELA per la Grecia a 89 miliardi per incoraggiare il dialogo tra le parti che si siederanno nuovamente al tavolo delle trattative con l'Eurogruppo di domani.

    Proprio in tal senso va letta la decisione dell'ormai ex ministro per l'economia greco Varoufakis, che ha annunciato questa mattina le sue dimissioni. Riunione in corso in queste ore del governo di Atene, chiamato a scegliere il nome del suo sostituto. Con il passare delle ore prende quota il nome di Euclid Tsakalotos, già protagonista nelle trattative delle ultime settimane dopo essere stato inserito dallo stesso Tsipras nella nuova squadra di negoziatori scelta qualche settimana fa.

    Tsakalotos, 55 anni, professore di economia in Grecia e in Regno Unito, è considerato uno degli esponenti più autorevoli dell'ala "dialogante" di Syriza, il partito del premier ellenico al governo da febbraio scorso. 

    Correlati:

    Il Parlamento europeo si riunisce per discutere il futuro della Grecia
    The Telegraph: UE teme un “armageddon” in Grecia
    Le proteste in Grecia
    Tags:
    geopolitica, Economia, Crisi in Grecia, Referendum in Grecia, Syriza, Euclid Tsakalotos, Yanis Varoufakis, Grecia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik