10:43 18 Agosto 2017
Roma+ 25°C
Mosca+ 22°C
    Operatore di Borsa

    Indipendent: mercato della Russia fortemente sottovalutato

    Alexei Filippov
    Economia
    URL abbreviato
    2913201

    Gli investitori non dovrebbero essere scoraggiati dalle previsioni negative sull’andamento del mercato russo, scrive l’economista Mark Dampier in un articolo pubblicato dal britannico The Indipendent.

    Secondo gli analisti del Fondo d'investimento Neptune Russia & Greater Russia, l'economia della Russia, alla quale si predice crescita zero nel 2016 e +1% nel 2017, è fortemente sottovalutata. In realtà, l'anno prossimo potrebbe crescere del 2% e del 3% nell'anno successivo.

    Il capo economista del Fondo James Dowey rileva che le aziende della Russia stanno attraversando il crollo dei prezzi petroliferi con conseguenze meno gravi di quanto si era pensato. Gli effetti negativi sono in gran parte compensati da altri fattori, uno dei quali sono i redditi dei compratori stranieri con valute più forti.

    Gli analisti sostengono che l'attuale situazione del mercato russo sia vantaggiosa per gli investitori. Le risorse concentrate in un unico settore o un unico Stato dipendono fortemente dalle oscillazioni del mercato, e la fase di recessione spesso diventa un momento ideale per investire, scrive Dampier.

    Ancora di recente la Russia era vista come il posto meno adatto per investire, ma il Fondo Neptune Russia & Greater Russia, che aveva deciso di correre il rischio restando nel mercato russo, l'anno scorso è cresciuto del 17%.

    Il manager del Fondo Robin Geffen dice che anche il mercato dei titoli in Russia è in buona salute. I periodi di turbolenza, insieme alla sottovalutazione del mercato, spesso creano delle ottime possibilità, rileva Geffen.

    Correlati:

    Putin sprona business russo a conquistare mercato interno prima fine sanzioni
    L'apertura del mercato iraniano promette giro d'affari miliardario per la Russia
    Tags:
    Investimenti, The Indipendent, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik