07:42 24 Ottobre 2017
Roma+ 6°C
Mosca-3°C
    Alexander Novak, ministro dell'Energia della Federazione Russa

    “Gli appelli della UE per diversificare le forniture di gas sono politicamente motivati”

    © Sputnik. Vladimir Astapkovich
    Economia
    URL abbreviato
    3488101

    Gli appelli alla diversificazione degli approvvigionamenti energetici che risuonano all'interno dell'Unione Europea sono politicamente motivati e sono diretti contro la Russia, ha detto il ministro dell'Energia russo Alexander Novak.

    "Certo che li sentiamo. Ma sono messaggi motivati politicamente contro la Russia. Alla fine l'Europa avrà bisogno ancora di più gas, è inevitabile. Con il nostro gas siamo competitivi, e la politica non deve interferire negli affari dell'economia", — ha detto Novak in un'intervista con la rivista economica "Handelsblatt".

    Nel mese di giugno "Gazprom" aveva firmato con la tedesca E.ON, l'anglo-olandese Shell e l'austriaca OMV un memorandum d'intesa che prevede un progetto di cooperazione nelle infrastrutture di trasporto del gas per le forniture dirette di gas russo per i clienti europei. Le parti intendono costruire due gasdotti dalle coste della Russia fino alle coste della Germania attraverso il Mar Baltico.

    Novak ha smentito che il nuovo progetto sia destinato esclusivamente a fermare il transito di gas russo attraverso il territorio dell'Ucraina.

    "Il discorso riguarda prima di tutto la necessità di fornire gas in Europa centrale", — ha detto il ministro russo.

    Tags:
    Geopolitica, Politica Internazionale, Energia, Economia, gas della Russia, gasdotto, gas, Ministero dell'Energia, Gazprom, Unione Europea, Alexander Novak, Europa, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik