01:54 27 Novembre 2020
Economia
URL abbreviato
1111
Seguici su

Il portale spagnolo El Economista scrive che il tema della Grecia e i “trucchi” della BCE hanno oscurato il vero problema dell’eurozona – la valanga dei debiti che incombe sull’Europa a causa di Italia e Francia.

!-- —>Мужчина проходит мимо флагов ЕС и Греции в порту на острове Самос

© AFP 2015/ Aris Messinis

Concentrarsi unicamente sui problemi della Grecia è un grave errore, scrive il portale economico spagnolo El Economista.

La Grecia è un paese relativamente piccolo, con appena 10 milioni di abitanti, mentre l'Italia e la Francia, dove vivono complessivamente 126 milioni di persone, rappresenta un problema molto più grave per la stabilità dell'eurozona.

Il primo ad attirare l'attenzione su questo fatto è stato un osservatore australiano del quotidiano Financial Times, che ha osservato che la situazione in entrambi i paesi è caratterizzata da un alto tasso di disoccupazione, crescente povertà e bassa crescita sullo sfondo di un debito elevato.

Il portale rileva che il debito dell'Italia, compresi i debiti delle aziende e della popolazione, ha ragiunto il 259% del PIL, in Francia s'aggira sul 280%, mentre il disavanzo costituisce, rispettivamente, il 3% e il 4,2%. Tuttavia, osserva l'edizione spagnola, è più significativo il fatto che a partire del 1974 la Francia non è riuscita neanche una volta a chiudere il bilancio almeno in parità.

Mentre nella maggioranza dei paesi dell'euro la disoccupazione sta calando, in queste due nazioni il numero dei senza lavoro continua a crescere progressivamente. Secondo gli esperti, ciò significa che vengono chiusi più posti di lavoro di quanti ne vengono creati. Infatti, nelle condizioni di una crescita amorfa o addirittura inesistente, è difficile creare dei nuovi posti. Altri problemi, che riguardano stipendi troppo alti, il modello di stato sociale basato sui prestiti esterni e la prevalenza del settore pubblico, sono di carattere strutturale. In Italia e Francia il lancio della moneta unica è servito soltanto a peggiorare la situazione e questi paesi difficilmente potranno uscire dalla crisi dei debiti, se non viene garantita la crescita del PIL rispetto al debito privato.

"È giusto che la Grecia sia in prima pagina, ma il calo del prezzi petroliferi, unito all'ultraespansionismo della BCE e ad altri trucchi monetari, nasconde il più importante problema dell'unione valutaria, che resta irrisolto", — riassume l'edizione spagnola.

Correlati:

Grecia, Borse europee pesanti
Grecia: prelievi ai bancomat limitati a 60 euro
Tags:
Problemi, Eurozona, Italia, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook