01:38 15 Dicembre 2017
Roma+ 16°C
Mosca+ 1°C
    Estrazione petrolio

    I prezzi del petrolio non reagiranno all'indebolimento delle sanzioni contro l'Iran

    © flickr.com/ Dana Schagunn
    Economia
    URL abbreviato
    0 50

    Il ministro dell'Energia russo Alexander Novak ha dichiarato che l'Iran è membro dell'OPEC, pertanto forti fluttuazioni dei prezzi del petrolio non dovrebbero avvenire.

    Il possibile allentamento delle sanzioni contro l'Iran non dovrebbe portare a forti oscillazioni del prezzo del petrolio, il mercato ha già scontato questo scenario, ritiene il ministro dell'Energia Alexander Novak.

    "Il mercato ha già scontato l'indebolimento delle sanzioni, non ci dovrebbe essere grande volatilità nei prezzi del petrolio",

    — ha detto ai giornalisti Novak.

    Il ministro ha ricordato che l'Iran è membro dell'OPEC, pertanto

    "devono rispettare gli accordi vigenti sulla produzione."

     

     

    Tags:
    Petrolio, Borsa&Mercati, Nucleare, Energia, sanzioni, Ministero dell'Energia, Alexander Novak, Iran, Russia
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik