13:15 15 Dicembre 2017
Roma+ 15°C
Mosca+ 2°C
    Presidente della Comissione Europea Jean Claude Juncker

    Juncker: "La ripresa europea non è ancora strutturale"

    © AFP 2017/ JOHN THYS
    Economia
    URL abbreviato
    0 0 0

    Nel secondo e ultimo giorno del summit europeo, il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker, ha annunciato che "la ripresa è in cammino" in Europa e nell'eurozona e che "le previsioni dicono che le cose migliorano", ma dipende "da condizioni congiunturali, mentre vorremmo che la ripresa fosse strutturale".

    Per questo, ha aggiunto Juncker,  "dobbiamo sfruttare la calma per fare le riforme strutturali necessarie e che non avanzano al ritmo desiderato".

    Juncker ha inoltre riconosciuto che "in Grecia c'è una crisi umanitaria che ha bisogno di un aiuto che venga dal budget europeo". Sono stati pertanto messi a disposizione 2 miliardi di euro dei fondi strutturali, riducendo il tasso di cofinanziamento al 5%.

    Juncker ha sottolineato il desiderio che le autorità greche investissero la somma "nel miglior modo possibile, on settori propizi alla crescita, per risolvere il massiccio problema della disoccupazione giovanile e per aiutare le pmi".

    Per il premier italiano Renzi si è trattato di una "riunione positiva ma senza nessun nuovo accordo. Il dibattito è stato buono ma l'austerity non basta. Abbiamo bisogno di riforme che vengano dalla politica". Renzi, nella giornata di oggi, ha avuto anche un colloquio con la premier polacca Ewa Kopacz.

    I ventotto leader europei, prima dell'inizio dei lavori del vertice a Bruxelles, hanno osservato un minuto di silenzio in commemorazione delle vittime dell'attacco jihadista avvenuto in Tunisia.

    Correlati:

    La tragedia greca dell’eurozona
    Mattarella a Bruxelles: Impensabile uscita della Grecia dall'euro
    Grecia, ancora un rinvio
    Tags:
    Matteo Renzi, Jean-Claude Juncker, Bruxelles
    RegolamentoDiscussione
    Commenta via FacebookCommenta via Sputnik